Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
29 mag 2022
camilla garavaglia
Cronaca
29 mag 2022

Palio di Legnano, Pusceddu ritrova una città che non lo ha mai voluto dimenticare

Squalificato a vita nel 2014 per una rissa con un altro fantino, gli è stato concesso di tornare e ha vinto con San Magno

29 mag 2022
camilla garavaglia
Cronaca

Legnano (Milano) - Valter Pusceddu si è ripreso una città che non lo aveva mai davvero lasciato andare. La vittoria di San Magno non arriva inaspettata - la contrada era tra le favorite - ma non era scontata: anche la rivale di sempre San Bernardino aveva investito molto nella speranza di lasciare proprio a San Magno il titolo di nonna del Palio.

Pusceddu, per chi non mastica Palio, era stato squalificato a vita nel 2014 dopo la rissa con Andrea Coghe di San Martino che ha inasprito ulteriormente la rivalità con La Flora, per la quale Pusceddu correva. Pusceddu è tornato poi a Legnano nel 2018, anno in cui La Flora si è aggiudicata il crocione con l’esordiente Gavino Sanna che correva - guarda caso - con un cavallo della scuderia di Bighino Pusceddu. La Nobile torna a vincere dopo il Palio del 2011 e festeggia due volte: infatti San Bernardino è rimasta nonna e si è aggiudicata solo il quarto posto in finale.

"Sono emozionato non per me ma per la contrada intera" ha detto in lacrime il capitano Alessandro Zanovello, alla sua prima e memorabile reggenza, mentre Pusceddu scendeva dal trono fatto di mani e lo abbracciava. Alle 21.36 esatte la croce di Ariberto d’Intimiano è entrata nella basilica, accompagnata dalla folla e dal suono delle campane, sotto le finestre di palazzo Marinoni illuminate con il rosso biancorosso. Il Palio di maggio è tornato e a vincerlo è stata la contrada nel cuore di Legnano

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?