Chiamati per una lite in famiglia, i carabinieri sentono odore di marijuana e arrestano il vicino

A Legnano i militari erano intervenuti per un diverbio ma hanno sentito un forte odore di marijuana provenire dall'appartamento vicino: qui hanno trovato quasi tre chili di droga

La droga sequestrata in occasione dell'arresto

La droga sequestrata in occasione dell'arresto

Legnano (Milano) – I carabinieri erano intervenuti per la segnalazione di una lite in famiglia nell’appartamento accanto, ma sentito un odore di marijuana più che sospetto hanno poi bussato alla porta del vicino: dopo il parapiglia e il tentativo di fuga del soggetto in questione sono rientrati in caserma con un arresto per spaccio. Nella serata di ieri i Carabinieri della sezione Sezione Radiomobile hanno infatti arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacente un 32enne di nazionalità nigeriana, regolare sul territorio e residente e Legnano.

Come detto i Carabinieri erano intervenuti inizialmente per la segnalazione di una lite in famiglia nell’abitazione vicina a quella dove l’uomo risiede, in via Giusti: sentito l’odore sospetto, i carabinieri hanno dunque deciso di bussare alla sua porta e in occasione della perquisizione domiciliare effettuata durante l’intervento, l’uomo ha anche tentato la fuga. I carabinieri lo hanno però inseguito e infine bloccato anche grazie al supporto di una pattuglia del locale commissariato.

A quel punto i militari hanno proseguito la perquisizione e hanno infine trovato all'interno della sua abitazione un chilo e 880 grammi di hashish suddiviso in panetti, 900 grammi di marijuana, il materiale per confezionamento e 300 euro circa in contanti. Il 32enne è stato dunque arrestato e condotto al carcere di Busto Arsizio.