Quarto ponte sull’Adda. Si parte con il cantiere

Lecco, il vicepremier Salvini dà il colpo di benna per la posa della prima pietra "Come ministro e lombardo sono felice e con me tanti sindaci".

Quarto ponte sull’Adda. Si parte con il cantiere

Quarto ponte sull’Adda. Si parte con il cantiere

"Useremo la ruspa", ha annunciato spesso. E ieri l’ha utilizzata per davvero, non per radere al suolo, ma per costruire. È stato il vicepremier e ministro di Infrastrutture e Trasporti Matteo Salvini ieri mattina a dare il primo colpo di benna per la posa della prima pietra del ponte delle Olimpiadi invernali 2026. È stato il primo di una lunga serie di colpi di benna, perché nelle prossime settimane cominceranno pure gli interventi di consolidamento della galleria Monte Piazzo e per lo svincolo di Piona sulla 36 in Alto Lario, alcune delle altre opere in programma per i Giochi a 5 cerchi che si svolgeranno anche in Valtellina, proprio come la costruzione del Quarto ponte di Lecco, cominciata dopo un’estenuante attesa di almeno 2 lustri.

"Da ministro e da lombardo sono contento - le parole di Salvini - . Sono contenti anche tanti sindaci di tutti i colori politici perché stavano attendendo questo momento da anni". Tra i più felici c’è certamente il primo cittadino di Pescate, Dante De Capitani, che dal 2013 chiedeva, pure con blocchi stradali e cortei, il Quarto ponte di Lecco, che renderà più scorrevole il traffico di automobilisti e camionisti che quotidianamente attraversano, assediano e inquinano il paese che governa. "È una giornata storica", ha confermato, avvertendo che non intende però abbassare la guardia: "Bisogna rispettare il cronoprogramma, altrimenti pianterò una tenda in cantiere". "Le priorità sono realizzare gli investimenti nelle tempistiche richieste; incrementare la dotazione di trasporto del Paese; garantirne la sicurezza e la resilienza; puntare sulle innovazioni", ha garantito l’ad di Anas Aldo Isi. "Il nuovo ponte è un’opera fondamentale per la viabilità di Lecco e di tutto l’asse stradale tra Milano e la Valtellina – ha invece sottolineato il governatore lombardo Attilio Fontana -. Lo snodo lecchese è cruciale. È un investimento funzionale allo svolgimento delle Olimpiadi, ma soprattutto utile ai cittadini". Tra gli atri ospiti del parterre de rois hanno partecipato alla cerimonia gli assessori regionali alle Opere pubbliche, Claudia Maria Terzi, e all’Innovazione Alessandro Fermi, la presidente della Provincia Alessandra Hofmann, il sindaco Mauro Gattinoni e tutti i rappresentanti politici e istituzionali.