Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
20 giu 2022

Cassago, la filosofia di Messner: "L'alpinismo ha perso fascino, bisogna trovare stimoli"

Ospite a un evento, il grande mito della montagna traccia le differenze tra presente e passato: "Ora sull’Everest salgono in tanti su piste tracciate, nessuno si arrampica più"

20 giu 2022
fulvio d'eri
Cronaca
BERGAMO//FESTIVAL DELLE ALPI DI LOMBARDIA CON L'ALPINISTA REINHOLD MESSNER E LA SOPRANO SILVIA LORENZI//FOTO DE PASCALE
L'alpinista Reinhold Messner
BERGAMO//FESTIVAL DELLE ALPI DI LOMBARDIA CON L'ALPINISTA REINHOLD MESSNER E LA SOPRANO SILVIA LORENZI//FOTO DE PASCALE
L'alpinista Reinhold Messner

Cassago Brianza (Lecco), 21 giugno 2022 - Dici alpinismo e dici Messner. L’equazione viene spontanea, perché Reinhold Messner è l’essenza dell’alpinismo per tutti gli appassionati di montagna e di avventura. Se è vero che l’alpinismo è una una specialità, una passione e, a volte, una filosofia per "pochi", è altresì vero che Messner in Italia e nel mondo lo conoscono un po’ tutti. D’altronde è stato lui, classe 1944, a salire per primo sull’Everest, nel 1978, senza l’ausilio dell’ossigeno ed è stato anche il primo al mondo a scalare tutti e quattordci gli 8000. Un mito assoluto che nella sua vita ha centrato tante imprese anche come "esploratore" in solitaria. Lo abbiamo incontrato a Cassago Brianza dove era l’ospite d’onore della serata "A tu per tu con i grandi dello sport", organizzata da DF Sport Specialist. In serata c’è stata anche la proiezione, davanti a tantissimo pubblico, del film "Fratelli si diventa, un omaggio a Walter Bonatti, l’uomo del Monte Bianco", di Alessandro Filippini e Fredo Valla. "L’alpinismo è passato attraverso vari periodi storici – ha ricordato Messner -, dai pionieri del 1800 quando era difficile girare il mondo, a Cassin e poi a Bonatti. Walter è stato un’alpinista di avanguardia mondiale che ha effettuato cose memorabili sul Bianco, sul Badile. Il mio percorso è stato diverso, ho incominciato da specialista dell’arrampicata e poi sono diventato, dal ‘70’ in poi, un alpinista, facendo tutti gli 8000 metri, scalando le 7 montagne più alte di ogni continente". "Oggi chi va sull’Everest, spesso e volentieri, cammina su una pista tracciata - ha proseguito Messner - e non arrampica neanche più… Il 99% di chi va sull’Everest, sale in elicottero fino al campo base o fino a 6900 metri. Scala con il doppio dell’ossigeno, è tutta un’altra cosa. La differenza principale però è che allora ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?