Quotidiano Nazionale logo
19 feb 2022

Ecologica e hi-tech, la nuova discarica vicino alla foce del Bione

Costerà un milione e mezzo: sarà alimentata dai pannelli fotovoltaici che produrranno energia per alimentare tutto il centro

La nuova struttura sorgerà su un’area di oltre 9mila metri quadrati
La nuova struttura sorgerà su un’area di oltre 9mila metri quadrati
La nuova struttura sorgerà su un’area di oltre 9mila metri quadrati

Una nuova discarica in riva al lago, accanto al centro sportivo comunale. Verrà realizzata a Lecco. Sorgerà su un’area di oltre 9mila metri quadrati che si estende a pochi metri dalla riva del lago di Garlate, vicino a quella che dovrebbe diventare l’oasi naturale della foce del Bione, a ridosso di un campo da calcio. La location prescelta attualmente è già parzialmente utilizzata come deposito, sebbene di inerti, e per questo potrebbe essere necessario anche bonificarla. Manca inoltre un accesso e lì sotto passano un metanodotto, la rete fognaria e un cavidotto elettrico. Da Palazzo Bovata hanno affidato lo studio di fattibilità tecnico ed economica dell’opera all’ingegner Enrico Mauri. Sarà una piattaforma veramente ecologica e anche tecnologica. "Saranno installati circa 100 metri qiadrati di pannelli fotovoltaici che consentirebbero la produzione di circa 10.000 kWhannui di energia elettrica – spiega il progettista –. La produzione di energia stimabile è sufficiente per l’alimentazione dei servizi del centro: sistemi di controllo e pesatura, l’illuminazione e il riscaldamento degli uffici e degli spogliatoi degli addetti, l’illuminazione notturna del perimetro esterno e l’alimentazione dei sistemi di videosorveglianza". "Si prevede inoltre la completa automazione e informatizzazione della gestione degli accessi mediante la realizzazione di barriere dotate di lettore tessere e un semaforo completo di software gestionale con gestione remota – prosegue l’ingegnere –. Sarà inoltre installato un sistema di identificazione utenti e di pesatura dei rifiuti conferiti. Infine, si prevede la realizzazione di una pesa elettronica, adatta agli autocarri, con software che permetta il monitoraggio e la gestione da remoto delle operazioni di pesatura degli automezzi". Si stima una spesa di un milione e mezzo di euro. Completeranno l’opera altri interventi in città come un’isola ecologica interrata in centro, distributori automatici di sacchetti e 40 cestini intelligenti: saranno a carico di Silea, la Spa pubblica della ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?