Quotidiano Nazionale logo
13 feb 2022

Vaccino Covid contro tutte le varianti. Proteina N e protezione dal virus: la scoperta

Fa ben sperare lo studio condotto sui topi dai ricercatori dell'Iss. "Abbandonata" la Spike, la proteina N genera una memoria immunitaria a livello polmonare

Roma, 13 febbraio 2022 - I risultati di uno studio preclinico dell'Istituto superiore di sanità condotto sui topi indicano il potenziale profilattico di una nuova piattaforma vaccinale contro il Covid. Lo studio si basa su una proteina comune a tutte le varianti e si evidenzia una protezione duratura anche su cariche virali elevate. Appena pubblicato sulla rivista Viruses e portato avanti dai ricercatori del Centro Nazionale per la Salute Globale dell'Iss, lo studio ha dimostrato che questo nuovo approccio innovativo genera una risposta immunitaria efficace e duratura nei topi infettati con il Covid.

Quarta dose vaccino Covid ai pazienti fragili, dietrofront del Ministero

La proteina N

Il metodo, spiega l'Iss, si basa su una nuova strategia che ha selezionato come bersaglio la proteina N, una proteina che al contrario della più nota Spike, coinvolta nello sviluppo degli attuali vaccini, non mostra quasi nessuna mutazione tra le varianti finora note. Il metodo con cui è usata in questo studio la proteina N genera inoltre una memoria immunitaria a livello polmonare che potrebbe essere garanzia di un effetto protettivo duraturo nel tempo. Il nuovo meccanismo è basato sulla ingegnerizzazione delle nanovescicole naturalmente rilasciate dalle cellule muscolari e potrebbe superare i limiti degli attuali vaccini sul decadimento degli anticorpi e la perdita di efficacia contro le varianti emergenti.

Vaccino universale contro i coronavirus: la speranza si chiama epitopo. "E' sulla Spike"

Reazione immunitaria

Il gruppo di ricercatori Iss ha dimostrato che, quando le vescicole extracellulari vengono caricate con la proteina N, si può generare una reazione immunitaria nei topi tale da indurre una sostanziale protezione dall'infezione con cariche virali molto elevate. Inoltre, nel modello animale studiato, la tecnica messa a punto è in grado di generare una memoria immunitaria a livello delle vie respiratorie, condizione essenziale per un effetto duraturo di qualsiasi strategia vaccinale contro patogeni respiratori. "Tutte le cellule rilasciano costantemente minuscole vescicole a base lipidica definite vescicole extracellulari - spiega Maurizio Federico, autore senior dello studio - e la tecnica messa a punto è in grado di caricare queste nanovescicole naturali con proteine del Sars-CoV-2. Queste nanovescicole così ingegnerizzate vengono elaborate dal sistema immunitario in modo da generare una forte immunità cellulare orchestrata da una famiglia di linfociti identificata come linfociti CD8".

I prossimi passi

Studi addizionali in programma stabiliranno parametri come ad esempio la sicurezza della piattaforma vaccinale e la sua tollerabilità. Questi parametri saranno essenziali per porre le basi di futuri studi clinici atti a confermare in via definitiva l'efficacia di questa scoperta. Sarà inoltre necessario comprendere se eventuali vaccini sviluppati con la nuova piattaforma debbano essere integrati da forme di immunizzazione basate sulle tecnologie attualmente in uso, per esempio basate su mRNA. Lo studio, sovvenzionato tramite finanziamenti dall'Iss, dimostra, "l'impegno dell'Istituto e dei suoi ricercatori nella ricerca di strategie che possano condurre a vaccini contro il Covid di maggiore efficacia".

Covid, la scoperta: gli "antenati degli anticorpi" proteggono dal virus. Omicron inclusa

Covid, anticorpi dopo l'infezione: ecco quanto dura la protezione dal virus

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?