Milano, 20 febbraio 2020 - Un treno che viaggia senza toccare i binari. Per dirla in termini tecnici: a levitazione magnetica. Una tecnologia goà sperimentata in Cina e Giappone. Potrebbe essere il futuro per il collegamento ferroviario tra Milano Cadorna e l'aeroporto di Malpensa. Il condizionale è d'obbligo, anche se Fnm e Hyperloop Italia (la stessa società che dovrebbe realizzare il treno "supersonico" tra Milano e Torino) avvieranno, per la prima volta in Italia, uno studio di ingegneria e di fattibilita' tecnico-economica-giuridica per valutare la possibilitaà.

Un progetto che eventualmente interesserà sia il trasporto merci che quello passeggeri. "L'obiettivo - si spiega in un comunicato - è quello di studiare i vantaggi riguardo la diminuzione delle tempistiche di trasporto ferroviario tradizionali che, secondo una prima ipotesi, potrebbero passare dagli attuali 43 minuti a 10 minuti. Saranno anche approfonditi i consumi energetici legati al nuovo sistema e i costi connessi all'intera operazione". I termini dell'intesa tra Fnm e Hyperloop Italia sono contenuti in una lettera d'intenti che sara' sottoscritta dalle parti. 'Le nuove forme di mobilita', soprattutto se improntate alla sostenibilita' ambientale e all'impatto zero - commenta il presidente di Fnm Andrea Gibelli - sono una frontiera che vogliamo esplorare e un'opportunita' che vogliamo cogliere. In questa iniziativa, le competenze ingegneristiche e infrastrutturali che da sempre caratterizzano Fnm possono allearsi con le tecnologie trasportistiche piu' innovative per creare un nuovo e avveniristico modello di mobilita''.