Pavia, dal 27 dicembre autobus in servizio con gli orari del sabato: insorge il Comitato bus

La portavoce del Comitato: "Non ci sono gli studenti, ma i lavoratori e viaggiatori sì: questo orario mette in difficoltà molte persone"

La flotta di bus di Autoguidovie
La flotta di bus di Autoguidovie

Pavia – Dal 27 al 29 dicembre e poi dal 2 al 4 gennaio i bus del servizio urbano di Autoguidovie rispetteranno gli orari del sabato anche nei giorni feriali. Domenica 31, invece il servizio sarà festivo come sabato 6 e domenica 7 e il 1° gennaio non circoleranno autobus.

Lo comunica un avviso di Autoguidovie e il Comitato bus insorge. “La naturale riduzione delle corse durante le giornate del sabato tiene conto della riduzione dei passeggeri, studenti e lavoratori – sostiene il Comitato attraverso la sua portavoce Cettina Panzera - ma l’orario del sabato applicato anche nei periodi di vacanza scolastica (Natale, carnevale e Pasqua) nei quali però i lavoratori continuano a utilizzare l’autobus quale mezzo di spostamento per raggiungere il proprio posto di lavoro, la stazione e l’autostazione, per proseguire il viaggio, mette in difficoltà molte persone. Bisognerebbe che venisse posta la giusta attenzione alla pianificazione degli orari, con eventuali adattamenti, al fine di non penalizzare oltremodo l’utenza”.

L’ultima corsa dall’istituto Maugeri, infatti, solitamente è alle 21,05 per consentire al personale sanitario di prendere il bus al termine del turno. Partendo alle 20,35 non consentirà la coincidenza con l’ultima corsa della linea 2 all’interno del policlinico che arriva alla fermata Taramelli/Forlanini alle 20,44. “Sarebbe auspicabile che l’inizio del servizio e il suo termine, per corsa o gruppo di corse, fosse identico per i servizi feriali (dal lunedì al venerdì e sabato) – aggiunge il Comitato bus - per meglio orientare l’utilizzatore abituale”. Scorrendo le informazioni pubblicate sul sito di Autoguidovie, secondo il comitato per le linee principali, 1 e 4 si scoprono “delle frequenze zoppicanti con attese durante la giornata che possono arrivare fino a 30 minuti”.

La 3 da Montebolone non prevede corse fra le 5,30 e le 6, mentre la 3C dalle 19 alle 20,30 e la linea 10 non è prevista, quindi non esiste, viene sostituita dalla linea extraurbana 94 con orari, frequenze e percorsi totalmente diversi. “Si tratta di un concentrato di storture, come del resto già denunciato nei recenti dibattiti in sede di commissione consiliare e di Consiglio comunale – insiste il Comitato bus -; questo pressappochismo respinge e allontana gli utilizzatori anziché accoglierli. E in questo quadro l’amministrazione civica vuole prorogare l’affidamento del servizio senza passare da una gara per poter avere in circolazione i bus elettrici promessi”