Milano, 20 febbraio 2021 - Lutto nel mondo del calcio. Mauro Bellugi, 71 anni, non ce l'ha fatta. L'ex calciatore e fra i simboli dell'Inter, dove aveva giocato dalle Giovanili sino a passare alla Prima squadra, è morto oggi a mezzogiorno a seguito di complicazioni dovute alle sue condizioni di salute precarie. Bellugo era da tempo ricoverato in ospedale, dove aveva subìto anche l'amputazione di entrambe le gambe come conseguenza del covid-19. La camera ardente sarà allestita probabilmente all'ospedale Niguarda di Milano.I funerali si svolgeranno invece martedì prossimo alle 11 nella basilica di Sant'Ambrogio. Mauro Bellugi in Inter-Torino del 2007

Sgomento

La notizia ha colto di sorpresa i tanti appassionati di calcio e gli amici di Mauro Bellugi. L'ex difensore aveva sì subìto l'amputazione di entrambe le gambe a causa di ischemie ai vasi capillari, come complicazione del covid-19, ma era recentemente anche apparso in televisione in collegamento dall'ospedale. Anche per questo motivo in molti avevano ipotizzato miglioramenti incoraggianti.

La carriera

In tanti negli ultimi anni hanno conosciuto Mauro Bellugi per la sua attività di opinionista televisivo nelle reti locali lombarde, ma prima di tutto era stato un grande calciatore. Nel suo cuore c'era sempre stata l'Inter, la squadra con la quale aveva cominciato a giocare a calcio. Nel 1967, a soli diciassette anni, approda alle Giovanili dell'Inter e di quei colori si innamora. Rimane lì fino al 1969, poi ecco il salto in Prima squadra: Bellugi gioca nell'Inter dal 1969 al 1974. Poi un'altra squadra entra nella sua vita: il colore blu rimane, ma al posto del nero c'è il rosso. Il difensore dal 1974 al 1979 gioca nel Bologna, per poi passare al Napoli e chiudere alla Pistoiese. Per lui un totale di 227 presenze in serie A. Bellugi veste anche la maglia azzurra, prima assaggiandola con l'Under 21 nel 1971 e poi entrando in pianta stabile dal 1972 al 1980: 32 presenze

Il saluto del Genoa a Mauro Bellugi

Il saluto della Serie A 

La Lega Serie A porge le piu' sentite condoglianze alla famiglia di Mauro Bellugi per la sua scomparsa. La sua grinta e la sua determinazione resteranno per sempre legate alla storia della Serie A". Con questo tweet la Lega di Serie A ricorda l'ex difensore deceduto oggi. La Confindustria del calcio gli ha reso omaggio anche sul proprio sito internet. "Eravamo tutti rimasti aggrappati alla sua volonta' di reazione, ma alla fine Mauro  Bellugi non ce l'ha fatta e si e' spento oggi, poco dopo aver compiuto 71 anni. L'ex difensore di Inter, Bologna, Napoli e Pistoiese aveva subito l'amputazione di entrambe le gambe nello scorso mese di novembre a causa del covid-19, mostrando pero', pubblicamente, una grande voglia di riprendersi. Purtroppo oggi e' arrivata la triste notizia della sua scomparsa. La Lega Serie A porge alla famiglia le piu' sentite condoglianze e oggi e domani, su indicazione della Figc, lo ricordera' con un minuto di silenzio prima di tutte le partite".