Siracusa, 28 gennaio 2021 - Una sfida folle che è girata via video sui cellulari di molte persone, partendo da un profilo sul social network Tik Tok. Ora la polizia postale di Firenze ha denunciato una "influencer" siciliana, una donna di 48 anni residente nella provincia di Siracusa, con l'accusa di istigazione al suicidio.

Gli agenti, nell'ambito di un'attività di monitoraggio su internet, hanno individuato un link riconducibile al suo profilo: un filmato in cui si vedono una donna e un uomo che si avvolgono totalmente il volto con il nastro adesivo trasparente, in modo da non poter respirare.

Il video era visibile a tutti gli utenti senza restrizioni, alimentando il rischio di emulazione da parte di minorenni, i maggiori frequentatori del social network. Dopo la segnalazione del servizio di polizia postale il contenuto è stato subito rimosso dalla piattaforma Tik Tok. 

Secondo gli investigatori nel tempo l'influencer avrebbe pubblicato anche altri numerosi "video sfide" dello stesso tenore, che le hanno permesso di ottenere popolarità e l'attenzione di ben 731.000 follower di
diverse età.




A inquietare gli autori dell'inchiesta sono state anche alcune interazioni fra la sicilana accusata di aver condiviso il cilp e alcuni utenti. C'è chi, per esempio, avrebbe scritto "Ciao. Se mi saluti giuro mi lancio dalla finestra". Da qui la decisione dei pm titolari delle indagini di emettere a carico della 48enne un provvedimento urgente di perquisizione e sequestro degli account social, eseguito dalla polizia postale di Catania.