Bergamo - La carica dei 399. Tante sono le eccellenze enologiche a cui la Guida Oro "I Vini di Veronelli" ha assegnato le Tre Stelle Oro nell’edizione 2022, che sarà presentata in anteprima venerdì prossimo a Mantova, a Palazzo Te. Dal Sudtirolo alla Sicilia, le tre stelle dorate sono state attribuite esclusivamente ai vini che hanno conseguito una valutazione qualitativa di almeno 94/100 da parte dei curatori della guida Andrea Alpi, Gigi Brozzoni, Marco Magnoli e Alessandra Piubello.

Nell’edizione più partecipata e più ricca di contenuti degli ultimi dieci anni, i Tre Stelle Oro rappresentano il meglio della vite e del vino in Italia. Il volume sarà disponibile nelle librerie italiane e potrà essere anche acquistato sul sito dell'associazione. E' pronta anche una versione app.  

Una sezione è dedicata anche alle "new entry". E' stato assegnato, infatti, il titolo di Grande Esordio a 25 nuovi vini che, alla loro prima apparizione, hanno raggiunto o superato la soglia dell’eccellenza. Per conquistare le Tre Stelle Oro, questi “debuttanti” dovranno confermare le loro qualità e affidabilità anche nell’annata successiva.

I migliori

Ma quali sono i campioni che hanno ottenuto, in assoluto, il giudizio in centesimi più elevato? Sorprese e conferme si alternano, come di consueto, in questa straordinaria cinquina. Per la tipologia vini spumanti, il premio Miglior Assaggio 2022 va al Trento Extra Brut Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2010 di Ferrari Fratelli Lunelli (Trento). Il titolo di miglior vino bianco è stato assegnato, invece, per la prima volta a un vino del Sud, ottenuto da varietà autoctone: l’Irpinia Bianco Grande Cuvée Luigi Moio 2018 di Quintodecimo (Mirabella Eclano, in provincia di Avellino).

Miglior vino rosato è il Girofle Rosé Salento Negroamaro 2020 di Garofano Vigneti e Cantine (Copertino, provincia di Lecce), mentre miglior vino rosso è stato giudicato il Barolo Bussia Riserva Granbussia 2012 di Poderi Aldo Conterno (Monforte d’Alba, in provincia di Cuneo). Infine, è la Costa Toscana ad aver dato, quest’anno, il miglior vino dolce o da meditazione, il Petit Manseng Costa Toscana Passito 2018 di Terenzi (Scansano, nel Grossetano).

L'happening

I curatori della Guida Oro Veronelli

I vini della top five saranno tra i protagonisti della presentazione in anteprima della Guida Oro I Vini di Veronelli 2022, in programma venerdì 12 novembre a Palazzo Te, a Mantova: nel corso della giornata, quattro appuntamenti racconteranno la nuova edizione e proporranno in assaggio queste ed altre bottiglie con degustazioni guidate dai Curatori e momenti di dialogo tra le eccellenze enologiche e i tesori artistici di Palazzo Te.

In particolare, alle 11.30, con la partecipazione dei curatori della Guida Oro, del direttore del seminario permanente Luigi Veronelli Andrea Bonini e del giornalista Gabriele Principato, moderatore dell’incontro, saranno presentate le novità dell’edizione 2022 e attribuiti i dieci Sole, premi speciali assegnati dalla redazione ad altrettanti “racconti in forma di vino” rappresentativi della competenza, della creatività e dell’impegno dei produttori italiani.

I vini saranno poi proposti in degustazione alle ore 15, durante l’incontro “I Sole 2022. Degustazione d’autore” condotto dai curatori della Guida Oro. Alle 17.30, protagonisti saranno i cinque migliori assaggi, con l’appuntamento “Venere divina e le cinque forme enologiche della bellezza” che metterà in dialogo alcuni dei capolavori esposti a Palazzo Te, in occasione della mostra “Venere. Natura, ombra e bellezza”, con i vertici della vitivinicoltura italiana.

Gli appuntamenti si concluderanno alle 21 con “Sesto senso”, concerto per vini e musica a cura di Luca Damiani, scrittore, musicologo e anima di Sei gradi, trasmissione di Rai Radio 3, e con la partecipazione di Andrea Alpi, curatore della Guida Veronelli, della violoncellista Gemma Pedrini e del contrabbassista Giovanni Cannata.