Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
15 mag 2021
15 mag 2021

Omofobia, manifestazione contro il ddl Zan. Salvini contestato in piazza Duomo

Il leader della Lega interviene all'iniziativa organizzata in piazza Duomo da "Pro Vita e Famiglia"

15 mag 2021

Milano, 15 maggio - Si è svolta oggi pomeriggio anche a Milano, come in diverse città d'Italia una manifestazione contro il ddl Zan dal titolo "#restiamoliberi". La protesta milanese contro la legge sull'omotransfobia è stata  organizzata da "Pro Vita e Famiglia" e promossa in occasione della Giornata internazionale della famiglia. Circa un migliaio di persone è sceso in piazza Duomo nel rispetto delle norme anti-Covid. Tra i presenti anche il leader della Lega, Matteo Salvini, che è stato contestato da un gruppo di sostenitori del ddl Zan.

Attimi di tensione quando un gruppo di giovani è arrivato da piazza Diaz con bandiere arcobaleno, fumogeni e striscioni con la scritta: ''DDL Zan subito''. La tensione è aumentata quando i manifestanti hanno cominciato ad urlare insulti contro il segretario della Lega Matteo Salvini e il senatore leghista Pillon. Le forze dell'ordine sono intervenute per tenere a distanza le due piazze. La tensione è però durata poco e i manifestanti sono stati avviati fuori in direzione piazza Fontana.

"Sono qui a manifestare per la libertà". Ha detto il segretario leghista Matteo Salvini, arrivando in piazza per manifestare contro il disegno di legge del Pd sull'omotransfobia. "Ognuno può amare e deve poter amare chi vuole senza essere aggredito e discriminato, tanto che la Lega e l'intero centrodestra hanno presentato una proposta per introdurre delle aggravanti per chi insulta e aggredisce un altro essere umano - ha sostenuto -. Un altro paio di maniche è distruggere l'idea di famiglia, le radici della nostra comunità, portare sui banchi di scuola teorie come il gender, idee come le adozioni gay e l'utero in affitto e addirittura introdurre un nuovo reato che mette il bavaglio e vuole mettere in galera chi pensa che la mamma sia mamma e che il papa' sia il papà. Quindi - ha aggiunto il leader della Lega -, assolutamente mano pesante per chi aggredisce e discrimina, picchia e insulta. Però la libertà di poter pensare che un bimbo viene al mondo se ci sono una mamma e un papà non può essere né imbagliata né processata".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?