L'esplosione della variante Delta, i contagi Covid che negli ultimi sette giorni sono tornati a salire in tutte le regioni, le zone rosse locali e le tante incertezze per le prossime settimane. La pandemia non smette di fare paura e lo spettro è quello del ritorno delle zone gialle proprio nel pieno dell'estate. A preoccupare è l'incremento dei casi soprattutto per quanto riguarda i giovani. L’età media dei contagiati è scesa a 28 anni. “Un dato palese - spiega Franco Locatelli, coordinatore del Cts e presidente dell’Istituto superiore di Sanità - che dimostra come i contagi siano legati in buona parte alla popolazione giovane in ragione della maggior socializzazione del periodo estivo”. E mentre le regioni iniziano a cautelarsi prevedendo tamponi all'arrivo, il Governo è chiamato a inizio settimana a decidere su come usare il Green pass. Al momento la linea pare essere quella di rendere obbligatorio il certificato per utilizzare i mezzi trasporto a lunga percorrenza (aerei e treni, ad esempio), partecipare a grandi eventi o entrare in luoghi a rischio assembramento come discoteche, cinema, teatri. Resta il nodo dei ristoranti al chiuso.

La situazione in Italia

Sale di appena sei unità il numero di nuovi positivi al coronavirus in Italia: oggi sono 3.127 casi (ieri 3.121) ma con un numero di tamponi di gran lunga inferiore, 165.269 (rispetto ai 244.797 processati ieri), tanto che l'indice di positività registra una impennata, 1,9% oggi rispetto all'1,3% di 24 ore prima. Il numero di decessi (13 ieri) nelle ultime 24 ore è di 3, il più basso da quest'anno (erano stati 4 il 30 agosto del 2020) e il totale è ora di 127.867 dall'inizio dell'epidemia in Italia. E' quanto si legge nel bollettino quotidiano del Ministero della Salute. Sul fronte ospedaliero, sono 156 i pazienti in terapia intensiva, in calo di 6 nel saldo tra entrate e uscite, dato che torna a scendere dopo tre giorni consecutivi di risalita. Gli ingressi giornalieri sono 3 (ieri 9). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.136, quindi 25 in più rispetto a ieri. Anche oggi è il Lazio la regione con il maggior numero di nuovi casi, sono 471 (ieri 500), seguita da Sicilia con 404 casi, Veneto con 379 e Lombardia con 369 (ieri 438).

I contagi in Lombardia

In Lombardia sono 369 (438 ieri) i nuovi positivi a Covid, nelle ultime 24 si registra un solo morto (contro i 4 di ieri), con il numero totale di vittime che sale a 33.809, secondo i dati della Protezione Civile. In salita all'1,3% il tasso di positività (ieri era l'1,1). Sono praticamente stabili i ricoveri con 31 pazienti in terapia intensiva, esattamente come ieri, e 135 negli altri reparti (-1). I nuovi casi per provincia: Milano 108, Bergamo 8, Brescia 28, Como 27, Cremona 5, Lecco 8, Lodi 24, Mantova 33, Monza e Brianza 43, Pavia 6, Sondrio 3 e Varese 36.

Le altre regioni

In Veneto sono 379 i nuovi casi di positività al Covid riscontrati nelle ultime 24 ore in, mentre non c'è stato alcun decesso rispetto a ieri. Lo riferisce il bollettino della Regione. Ancora in calo i numeri ospedalieri: i malati Covid ricoverati sono complessivamente 239 (+1), mentre scendono di un'unità nelle terapie intensive, 16. I soggetti attualmente positivi e in isolamento sono 6.816 (+318). Dall'inizio dell'epidemia da coronavirus, in Emilia Romagna si sono registrati 388.745 casi di positività, 266 in più rispetto a ieri, su un totale di 13.203 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è dell'2%. Non si registrano nuovi decessi. In Toscana (zero morti registrati) i nuovi casi positivi al Covid nelle ultime 24 ore sono 243 su 10.190 test. Il tasso dei nuovi positivi è 2,38%. Un ricoverato Covid in più negli ospedali dell'Umbria a fronte di una nuova impennata di nuovi casi giornalieri, 67 (contro i 30 di sabato). Rimane invece stabile a uno il numero dei pazienti in intensiva e ancora per un giorno non sono state segnalate nuove vittime. Ci sono 12 nuovi contagi al Covid in Basilicata, a fronte di 499 tamponi molecolari processati ieri. Non si è registrato alcun decesso. Nelle ultime 24 ore sono stati individuati nelle Marche 60 nuovi casi di Covid, il 4,1% rispetto ai 1.453 tamponi processati: per il quattordicesimo giorno consecutivo non ci sono state vittime.

Nella provincia autonoma di Trento, anche oggi il bollettino Covid mostra una situazione abbastanza in linea con il trend degli ultimi giorni: zero decessi, 24 nuovi contagi, nessun nuovo ricovero in ospedale. "Oggi su quasi 7mila tamponi nel Lazio (-997) e quasi 17mila antigenici, si registrano 471 nuovi casi positivi e 0 decessi. I ricoverati sono 119 (+14), le terapie intensive sono 26 (+1), i guariti sono 40. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 7%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende allo 2%. I casi a Roma città sono a quota 303", lo afferma l'assessore regionale alla Salute, Alessio D'Amato. In Puglia, nelle ultime 24 ore, sono stati registrati 70 casi positivi (zero decessi). Prima vittima per il Covid in Calabria dopo sei giorni. Scende ulteriormente il tasso di positività, passando da 2,98% a 2,25. I nuovi contagiati sono 39 (ieri erano stati 51). I ricoverati in area medica sono 50, con un aumento di due unità rispetto a ieri, mentre quelli in terapia intensiva restano 4. In Campania si sono registrati 244 nuovi casi e zero decessi. Nessun morto neanche in Sardegna: qui i contagi sono 233, mentre in Friuli Venezia Giulia ci sono 16 nuove infezioni. Ci sono 72 nuovi contagiati dal Covid in Liguria a fronte di 4.268 test effettuati: un dato che fa schizzare verso l'alto l'incidenza, che si attesta all'1,69%. I ricoverati sono 17. In Sicilia i nuovi positivi sono 404 a fronte di 5.832 tamponi processati.

La pandemia nel mondo

Il virus continua a falcidiare la Russia con un bilancio giornaliero ancora altissimo. Il Paese ha registrato 25.018 nuovi casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore, il che porta il totale cumulativo a 5.958.133.  Nelle ultime 24 ore, in tutto il Paese 764 decessi per coronavirus e 18.886 guarigioni. Mosca ha avuto il maggior numero di nuovi casi con 4.357; la regione di Mosca è stata la seconda più alta con 2.554; San Pietroburgo terzo più alto con 1.941. Allarme rosso in Indonesia, uno dei Paesi più colpiti dalla pandemia e tra i principali cluster della nuova recrudescenza del virus in Asia e nel mondo. Secondo gli ultimi dati disponibili l'arcipelago ha registrato 54mila nuovi contagi e 1.205 morti in 24 ore. Crescono a ritmo sostenuto le infezioni da Covid in Marocco. Il passaggio dai 288 casi del 21 giugno ai 2.853 del 17 luglio descrive una propagazione molto più rapida di quella che per esempio portò al picco dell'autunno 2020, con 6.195 casi in sole 24 ore. Il Brasile ha registrato nelle ultime 24 ore 868 morti provocati dal Covid e 34.339 nuovi contagi, confermandosi così il Paese con il maggior numero di decessi legati al coronavirus nell'ultima settimana. Dall'inizio della pandemia il Brasile ha segnato 19.342.448 infezioni, incluse 541.266 vittime. In Iran si sono registrati 22.184 nuovi casi di positività al Coornavirus e 195 morti. Lo annuncia il ministero della salute del governo di Teheran. Il numero totale dei deceduti sale così a 87.161.