I dati di oggi 14 giugno 2021
I dati di oggi 14 giugno 2021

Nel giorno in cui altre sei regioni conquistano la zona bianca, i dati sul contagio, per ora parziali e influenzati dal minor numero di tamponi processati domenica, confermano il calo di tutti i principali indici. Sono infatti 907 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 1.390. Sono invece 36 le vittime in un giorno, mentre ieri erano state 26 . In sole quattro regioni si sono registrati piu' di 100 casi: Sicilia (163), Emilia Romagna (137), Lazio (111) e  Lombardia (102).  Sono 536 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, con un calo di 29 rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono stati 11 (ieri erano stati 20). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.465, in calo di -77 unità rispetto a ieri. In totale i casi dall'inizio dell'epidemia sono 4.245.779, i morti 127.038. I dimessi ed i guariti sono invece 3.960.951, con un incremento di 3.394 rispetto a ieri, mentre gli attualmente positivi scendono a 157.790, in calo di 2.523 nelle ultime 24 ore 

Ma a preoccupare ora è la variante  Delta di Sars-CoV-2, meglio conosciuta come variante indiana, che sta facendo schizzare nuovamente il numero dei contagi nel Regno Unito.  "Preoccupa, anche per il focolaio a Milano dove ha colpito un vaccinato", spiega il virologo Fabrizio Pregliasco, docente dell'Università Statale di Milano. A suscitare più timori è infatti proprio la capacità della variante di '"bucare" in parte il vaccino. "Dalle valutazioni inglesi rimane ancora una protezione dalla malattia dell'80% dopo la prima dose e del 95% dopo la seconda - spiega Pregliasco - quindi è importante eseguire entrambe le dosi e farlo velocemente". Comunque la variante Delta "buca un po' il vaccino, quindi permane la convivenza ancora un po' pesante con dei casi gravi", sottolinea.  La variante Delta del coronavirus pandemico in Italia già circola. "Il dato finora è basso, ma probabilmente è sottovalutata", avverte Pregliasco: "Adesso dovremmo farci più attenzione". Il rischio, "come ho detto fin dall'inizio - ricorda - è che in autunno ci sia un rialzo dei contagi, un colpo di coda del virus".

Green Pass Ue, firmato il testo definitivo: ecco come funzionerà

 



I contagi in Italia / PDF

"Dal 21 giugno tutta l'Italia sarà zona bianca, non avremo più restrizioni e coprifuoco e ci sarà una maggiore facilità di movimento. Penso che va affrontato questo momento e dobbiamo stare attenti perché  le regole basilari vanno rispettate e mantenute. Stiamo andando lentamente fuori dalla pandemia, ma dobbiamo continuare a essere attenti e io sono sempre molto cauta e ribadisco che vanno mantenute ferme le attenzioni". Cosi' il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, al termine della riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza a Firenze. "Abbiamo rilevato soddisfazione per come sul territorio si lavori veramente insieme e come ci sia un senso di squadra. Oggi quello che serve e' lavorare insieme per il bene del territorio".

Covid, la variante Delta spaventa il mondo: cosa sappiamo di questa mutazione



La Lombardia
 


I dati lombardi del 14 giugno 2021

 

Lombardia zona bianca, Fontana: "Grandissima voglia di ripartire"

 Le regioni

Abruzzo
Nessun decesso oggi. Casi risultati dagli 885 test effettuati (559 tamponi molecolari e 326 test antigenici), con il totale dei contagi che da inizio emergenza sale a 74.469. Sono 71 i pazienti (+2 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 4 (invariato rispetto a ieri con 0 nuovi ingressi) in terapia intensiva, mentre gli altri 1398 (-58 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. 
Alto Adige
Un solo caso  sui 2.164 tamponi processati (meno rispetto alla media delle scorse settimane) nella giornata di ieri. Nessun decesso collegato al coronavirus è stato registrato domenica: il dato complessivo resta di 1.180 vittime da inizio pandemia. Stabile il dato dei ricoveri in ospedale: 15 sono i pazienti  covid ricoverati nei normali reparti e 2 quelli in terapia intensiva. 
Basilicata
Negli ultimi due giorni sono stati processati 664 tamponi molecolari: 28 sono risultati positivi al covid-19. Nelle due stesse giornate sono state registrate le guarigioni di 61 lucani. Nel fine settimana appena trascorso è stato inoltre registrato un altro decesso: il totale delle vittime lucane è di 564. 
Calabria





Sono 18 in più, rispetto a ieri, le persone risultate positive al coronavirus su 899 tamponi eseguiti. Scende il rapporto tra tamponi fatti e tamponi positivi (dal 4,54% al 2%). Dall'inizio dell'emergenza i decessi sono 1.212 (+4 rispetto a ieri), i guariti sono 59.139 (+210 rispetto a ieri), attualmente i ricoveri sono 154 (-3 rispetto a ieri), di cui 8 in terapia intensiva (-1 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi sono 7.899 (-196).
Campania

Sono 80 i nuovi positivi al Covid in Campania, su 2.240 test molecolari esaminati ieri. Il numero dei tamponi, come sempre fortemente ridotto nei festivi, fa salire il tasso di incidenza al 3,57, contro il 2,07 del giorno prima. Nel bollettino dell'Unità di crisi, aggiornato alla mezzanotte scorsa, si segnalano cinque nuove vittime (solo una deceduta nelle ultime 48 ore) e 324 guariti. Non si interrompe il trend positivo dei ricoveri ospedalieri: i posti letto occupati in terapia intensiva scendono a 24 (-5 rispetto al giorno prima), quelli nei reparti di degenza a 379 (-31).

Emilia Romagna

Sono 137, 63 asintomatici, i nuovi casi accertati in Emilia-Romagna nelle ultime 24 ore con 8.111 tamponi, numero basso come sempre nei week-end. È stabile il conto dei ricoverati, mentre continuano a calare i malati attivi e si registra un morto. I guariti sono 463 in più del giorno prima, i casi attivi 327 in meno (8.018), il 95,6% in isolamento con sintomi lievi o senza sintomi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono sempre 62, 291 quelli negli altri reparti  Covid (+3).
Friuli Venezia Giulia 

Si 1.147 tamponi molecolari sono stati rilevati 3 nuovi contagi, con una percentuale di positività dello 0,26%. Sono inoltre 382 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali è stato rilevato un caso di contagio (0,26%). Nella giornata odierna non si registrano decessi, i ricoveri nelle terapie intensive sono 4, mentre 9 sono quelli negli altri reparti.

Lazio

Oggi nel Lazio su oltre 9mila test, si registrano 111 nuovi casi positivi (-16), i decessi sono 6 (+6), i ricoverati sono 454 (+4). I guariti 428, le terapie intensive sono 94 (-4). Il rapporto tra positivi e tamponi è al 2%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende al 1,2%.  Il numero dei positivi è il più basso da agosto 2020. Oggi si registrano zero decessi nelle province.  La campagna vaccinale sta andando spedita: da ieri a mezzanotte 120mila prenotazioni nella fascia d'età 17/24 anni (1997-2004).
Liguria

Sono scesi a quota 67 i ricoverati negli ospedali della Liguria, secondo il bollettino odierno diffuso dalla Regione, 4 in meno di ieri. Di questi, 12 sono in terapia intensiva. Il report segnala 5 nuovi casi di positivita' al virus: nelle ultime 24 ore effettuati 1.485 tamponi molecolari, 482 antigenici rapidi. Nel bollettino si segnala 1 nuovo decesso: le vittime da inizio emergenza sono salite a 4.343. Sul fronte vaccini, dei 1.212.282 consegnati, ne sono stati somministrati 1.136.411 pari al 94%.
Marche
Appena tre nuovi casi nelle ultime 24 ore, due in provincia di Ancona ed uno a Pesaro Urbino. Il servizio Sanità della Regione comunica che sono stati testati 719 tamponi: 274 nel percorso nuove diagnosi (200 tamponi molecolari e 74 nello screening con percorso antigenico) e 445 nel percorso guariti.  Il tasso di positività nel percorso nuove diagnosi infine è dell'1,1%. 
Piemonte


Oggi l'Unita' di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 87 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 2 dopo test antigenico), pari allo 0,8% di 11.492 tamponi eseguiti, di cui 7.304 antigenici. Tre i nuovi decessi.

Dati in aggiornamento

Puglia
Registrati 3405 test  e 47 casi positi. Sono stati inoltre registrati 2 decessi: in provincia di Barii e in provincia di Brindisi. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 2.574.526 test, 233.106 sono i pazienti guariti e 12.584 sono i casi attualmente positivi. 
Toscana
I nuovi casi sono 82 su 5.068 test di cui 4.054 tamponi molecolari e 1.014 test. rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 1,62% (4,1% sulle prime
diagnosi). Tre i nuovi decessi.
Sardegna 




Sono stati rilevati 31 nuovi casi. In totale sono stati eseguiti 1.340.983 tamponi, per un incremento complessivo di 1.160 test rispetto al dato precedente. Non si registrano nuovi decessi (1.484 in tutto). Sono invece 83 (-4) le persone attualmente ricoverate in ospedale in area medica, mentre sono 6 (+1) i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 11.883 e i guariti sono complessivamente 43.583 (+110). Sul territorio, dei 57.039 casi positivi complessivamente accertati, 14.933 (+10) sono stati rilevati nella Citta' Metropolitana di Cagliari, 8.667 nel Sud Sardegna, 5.163 (+2) a Oristano, 10.949 (+1) a Nuoro, 17.313 (+18) a Sassari.

Sicilia

ìSono 183 i nuovi casi di Covid19 registrati oggi in Sicilia, cinque i morti e 154 i pazienti dimessi o guariti. In tutto, nell'isola, sono 6.722 i positivi - 24 in più rispetto a ieri - e di questi 310 sono ricoverati in regime ordinario, 47 in terapia intensiva e 6.365 sono in isolamento domiciliare.
Umbria

Sono quattro i nuovi casi Covid accertati tra domenica e lunedì in Umbria dove si registra 28 guariti e un altro giorno senza morti. Lo riporta il sito della Regione. Gli attualmente positivi sono ora 1.013, 24 in meno del giorno precedente. Sono stati analizzati 679 tamponi e 249 test antigenici, con un tasso positività sul totale dello 0,43 per cento (era 0,7 lunedì della scorsa settimana). Tornano a scendere i ricoverati totali, 46, due in meno di domenica, cinque dei quali, uno in più, nelle terapie intensive.
Valle d'Aosta
Sono 2 i nuovi positivi  a fronte di 107 tamponi processati nelle ultime 24 ore secondo i dati forniti dalla Regione. Non si registrano decessi. Il numero degli attualmente positivi risale a 96. Crescono di una unità i guariti. Negli ospedali al momento vi sono 3 persone ricoverate nei reparti ordinari, nessuno in terapia intensiva. Infine sono 93 le persone in isolamento domiciliare.
Veneto
Nelle ultime 24 oresono stati individuati 19 casi di  Covid, con un'incidenza dello 0,29% su 6.449 tamponi effettuati. I soggetti attualmente positivi sono 5.880, e i ricoverati 444, di cui 52 in terapia intensiva. Non è stato registrato alcun decesso. 




Il virus nel mondo 








I numeri

I casi di coronavirus a livello globale hanno superato oggi la soglia dei 176 milioni mentre il numero dei decessi provocati dal Covid negli Stat Uniti sfiora quota 600mila: è quanto emerge dai conteggi della Johns Hopkins University. Secondo l'università americana, dall'inizio della pandemia le infezioni nel mondo sono state 176.001.664, inclusi 3.805.014 decessi. Negli Usa, ovvero il Paese più colpito in termini assoluti, si registrano attualmente un totale di 33.462.286 contagi e 599.769 decessi. 

Germania

Per la prima volta nel 2021 i nuovi contagi sono scesi in Germania sono scesi sotto la soglia dei 1000: a quanto riferito dal Robert Koch Institut, oggi sono 549 i nuovi casi da coronavirus. L'ultimo conteggio sotto quotamille risale al 21 settembre 2020, con 922 infezioni .

Brasile

Il Brasile ha registrato 1.129 decessi per Covid-19 nelle ultime 24 ore, secondo i dati aggiornati ieri dal Consiglio nazionale dei segretari alla sanità (Conass) e dal ministero della Salute. Il bilancio complessivo delle vittime, dall'inizio della pandemia, sale così a 487.401.

San Marino

Nella Repubblica di San Marino rimane un solo caso attivo di Covid. Lo fa sapere l'Istituto di sicurezza sociale sammarinese. Si tratta di un paziente seguito al domicilio. L'ospedale di Stato rimane  Covid-free e sul Titano ormai da settimane non si registrano nuove positività. Da inizio pandemia il totale dei contagiati è stato di 5090 con 90 decessi. 

Il punto sui vaccini

Il mix di vaccini

Il mix di vaccini anti-Covid "già si fa in diversi Paesi del mondo, tra cui il Canada e Germania". Questa combinazione "e' sicura e non ci sono rischi, se non un modesto incremento di reazioni avverse minori". Cosi' il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri che ha anche aggiunto: "Lo switch dei 
vaccini sembrerebbe dare una risposta immunitaria migliore. Questa modalita' puo' rientrare nella normalità".

I vaccinati in Italia

Sono 42.390.996 le dosi di vaccino contro il covid somministrate in Italia, il 92.8% di quelle consegnate, pari a 45.701.951 dosi. Nel dettaglio, sono state distribuite 30.647.249 dosi del siero di Pfizer/BioNTech, 9.138.432 di quelle di Vaxzevria (AstraZeneca), 4.174.270 di quelle di Moderna e 1.742.000 di quelle di Janssen. E' quanto si legge nel report del commissario straordinario per l'emergenza sanitaria, aggiornato alle ore 17:07 di oggi.

 

Novatax 

Il vaccino dell'americana Novavax ha dimostrato un'efficacia complessiva del 90,4% in uno studio di fase 3 che ha coinvolto quasi 30mila partecipanti in 119 centri Usa. L'efficacia è stata del 100% nel prevenire le forme di malattia moderate e gravi, comunica l'azienda.  Il prodotto, sottolinea Novavax, funziona anche contro le varianti di Sars-CoV-2. In particolare, risulta efficace al 93% contro le cosiddette varianti che destano preoccupazione (Voc) e contro le varianti di interesse (Voi) prevalentemente circolanti, e al 100% contro le varianti non considerate Voc/Voi.  La protezione nelle popolazioni ad alto rischio è del 91%, aggiunge il gruppo. Tutti i ricoveri/decessi si sono verificati nel gruppo placebo.  

Vaccini in Italia: quali sono, fasce d'età, caratteristiche. Le direttive di Aifa ed Ema

 

Emergenza industriale

Una nuova ondata di casi di Covid-19 in Asia, in particolare a Taiwan e Malesia, potrebbe rendere ancora più complessa la catena produttiva e quindi la disponibilità di una serie di beni, in particolare i semiconduttori che stanno creando ritardi e preoccupazioni nel settore tecnologico e automobilistico. Lo scrive il Wall Street Journal. Già secondo stime di Intel la difficoltà a reperire i chip potrà durare fino al 2023. Secondo il Wsj, in Malesia la produzione sarebbe stata rallentata dalla crescita dei contagi, con l'associazione che riunisce i produttori di semiconduttori del Paese che ha riportato una diminuzione dei pezzi prodotti compresa tra il 15% e il 40%. Mentre in un'azienda di Taiwan, la King Yuan Electronics Co. specializzata nei test e nel packaging dei processori, nell'ultimo mese si è registrato un picco di casi di coronavirus che ha impedito di lavorare a pieno regime e che porterà la produzione di questo trimestre a essere circa un terzo di quella inizialmente prevista. Al momento non vengono segnalate interruzioni alla Tsmc, l'azienda che lavora per giganti come Amd, Apple e Qualcomm. Ad aprile scorso era stato proprio quest'ultimo produttore a suggerire che il problema di disponibilità dei semiconduttori potrebbe durare per tutto il 2022.