Quotidiano Nazionale logo
28 gen 2022

Covid nei bambini, cosa fare quando risulta positivo? Ecco tutti i consigli dei pediatri

In un vademecum di facile consultazione la Società italiana di pediatria illustra sei diversi scenari, a seconda dell'età e delle condizioni. Tutto sui vaccini

HUB VACCINALE ANTI COVID 19 PEDIATRICO ALL'AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA, VACCINAZIONI, VACCINAZIONE, VACCINO, VACCINI, SOMMINISTRAZIONE, BAMBINO, BAMBINI, CLOWN
Un bimbo in un hub vaccinale

Che succede se un bambino risulta positivo al Sars-CoV-2 subito dopo aver effettuato la prima dose di vaccino? E se invece la positività viene riscontrata 14 giorni dopo l'inoculazione? E se ancora, nel caso di ragazzi sopra ai 12 anni, si viene infettati dal virus prima di effettuare la dose di richiamo? E dopo quanto tempo può vaccinarsi un bambino che ha contratto il 
Covid-19? Per rispondere a tutte queste domande, in modo chiaro e dettagliato, la Società italiana di pediatria (Sip) ha realizzato un vademecum di facile consultazione.

Un aiuto in più per le famiglie che decidono di immunizzare i propri figli. Districarsi tra le varie indicazioni, infatti, non è semplice. Nel suo vademecum la Sip illustra sei scenari diversi. La prima situazione è quella classica, relativa allo schema vaccinale completo: tra la prima e la seconda dose devono passare 21 o 28 giorni, a seconda che ci si vaccini con Pfizer o Moderna (per gli over 12), e la dose di richiamo può essere fatta dopo 4 mesi (sempre over 12).

E se un ragazzo ha avuto il Covid? Allora dopo il terzo mese e non oltre il dodicesimo si può fare la prima dose di vaccino, poi dopo 4 mesi, sempre per gli over 12, si fa il richiamo. E se, invece, sono trascorsi più di 12 mesi dall'infezione (data del primo tampone)? Allora si segue lo schema vaccinale classico: prima dose, seconda dopo 21 o 28 giorni, richiamo dopo 4 mesi (sempre nel caso di over 12).

Se, invece, l'infezione viene contratta dopo aver effettuato la prima dose di vaccino le possibilità sono due: se si risulta positivi entro il tredicesimo giorno dall'inoculazione allora la seconda dose di vaccino viene effettuata dopo 3-6 mesi dalla data del primo tampone e la dose di richiamo, per gli over 12, può essere fatta dopo 4 mesi. Il secondo caso è quello in cui si risulti positivi al virus dopo 14 giorni dalla prima dose e prima della seconda, allora la dose di richiamo, sempre gli over 12, viene fatta dopo 4 mesi.

L'ultimo scenario è quello in cui si contrae il virus dopo aver effettuato entrambe le dosi di vaccino ma prima di effettuare il richiamo. In questo caso il booster, sempre per quanto riguarda i soggetti di età superiore ai 12 anni, viene fatto dopo 4 mesi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?