Una veduta dall'alto di Gardone Riviera
Una veduta dall'alto di Gardone Riviera

Bandiere Blu: non solo sul mare, ma anche sui laghi. Nel riconoscimento assegnato dalla Fee, la Foundation for Environmental Education, ci sono anche gli specchi d'acqua interni. Sono tredici, in totale, i lidi lacustri che hanno ricevuto il "vessillo", simbolo di eccellenza sui fronti della sostenibilità nella gestione del territorio, della cura del turista e della sua sicurezza, dell'attenzione ai servizi, uniti al desiderio di ripartire con la stagione turistica. L'assegnazione delle bandiere blu di quest'anno, infatti, arriva in un momento particolare del settore, travolto ancora più di altri dallo "tsunami" Covid, sospeso fra ambizioni di ripresa e preoccupazioni per quelle che saranno le indicazioni su come ripartire con l'attività.

Sul fronte delle bandiere blu per i laghi a fare la parte del leone è il Trentino, con dieci lidi premiati. Segue il Piemonte, con due strutture che hanno ricevuto il riconoscimento (due in meno rispetto all'ultima rilevazione) e la Lombardia, con una sola bandiera blu, quella di Gardone Riviera.

Trentino 

Le dieci bandiere blu del Trentino sono Bedollo, Baselga di Pinè, Pergine Valsugana, Tenna, Calceranica al Lago, Caldonazzo, Lavarone, Levico Terme, Sella Giudicarie, Bondone, le stesse che erano stati premiate l'anno scorso. 

Piemonte

In Piemonte hanno ricevuto la bandiera blu Cannero Riviera (provincia del Verbano Cusio Ossola, sul lago Maggiore) e Gozzano, nel Novarese, sul lago d'Orta. Perdono il riconoscimento Cannobio e Arona, entrambi sul Verbano.

Lombardia

Una sola bandiera blu in Lombardia ed è quella che aveva ricevuto l'attestato di eccellenza l'anno scorso. E' Gardone Riviera, in provincia di Brescia, sul lago di Garda.