Quotidiano Nazionale logo
8 mag 2022

Urla "Lesbica di m..." e la scaraventa giù dalle scale. Dramma sfiorato ad Alessandria

L'aggressione omofoda denunciata dall'associazione "Tessere le identità". La donna, che è stata anche picchiata, ora è ricoverata in ospedale

Omofobia, un dramma sociale ancora troppo diffuso nell'Italia del 2022
Omofobia, un dramma sociale ancora troppo diffuso nell'Italia del 2022

Alessandria - “Sei una lesbica di m****, poi i calci, i pugni fino a rotolare giù dalle scale rischiando di rompersi l’osso del collo. E’ l’aggressione denunciata da “Tessere le identità”, associazione Lgbtqia+ di Alessandria, ai danni di una sua associata, che ora è ricoverata in ospedale. A quanto riferisce l’associazione su Facebook l’aggressione sarebbe avvenuta ieri nel palazzo della donna, mentre rientrava a casa.

“E’ drammatico ricevere le foto di un’amica, socia della nostra associazione, appena ricoverata in ospedale per aggressione e lesione, avvenuta nel suo palazzo mentre rientrava a casa - si legge nel post - La propria casa, il proprio contesto abitativo, uno dei luoghi in cui ci si dovrebbe sentire protetti. Tutto ciò avviene ieri, nella nostra cara Alessandria quella città che nel 2019 durante il Pride, ha accolto più di 5000 persone e che si prepara al 25 giugno per festeggiare una giornata all’insegna dell’uguaglianza, contro ogni forma di discriminazione“.

 “Una lite fra condomini, diranno in molti, eppure dopo i primi battibecchi ecco che arrivano gli insulti: sei una lesbica di m****, poi i calci, i pugni fino a rotolare giù dalle scale rischiando di rompersi l’osso del collo. Stiamo parlando di omotransfobia, di quella radice tossica che ancora infesta le nostre comunità, nascosta nell’intimo di molte persone, travestita dai sorrisi, dalla tolleranza e da quelle frasi che sentiamo spesso: ‘io non ho problemi con i gay, basta che stiano al loro posto“.

“ E’ vergognoso che alla luce di questi fatti di violenza non sia ancora stata approvata una legge che protegga le persone dai crimini di odio senza che nessuno sia escluso. Ci chiediamo quante vittime dovranno essere ancora massacrate prima di ritrovarci in una società costruita sul rispetto delle diversità”. “Tutta l’associazione si raccoglie attorno a Claudia, nella speranza che la giustizia faccia il suo corso e che l’Italia si renda consapevole delle sue mancanze prima di diventare responsabile di questi fatti”.

L’associazione “Tessere le identità“ ricorda che “sono 191 le vittime di omofobia nel 2021, tra cui 53 aggressioni singole, 49 aggressioni plurime, 2 omicidi, 5 suicidi indotti di cui 2 salvati in extremis e 82 atti diversi. Più di una ventina dall’inizio dell’anno senza pensare a tutti quei casi che non vengono denunciati per paura di ripercussioni”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?