La refurtiva recuperata
La refurtiva recuperata

Soresina, 22 settembre 2020 - Nascosto in un armadio insieme al suo cane. Pensava così di sfuggire ai carabinieri che all'alba di oggi hanno fatto irruzione nella sua abitazione. Ventisei anni, marocchino, è il ladro seriale che da due mesi la notte prende di mira le auto parcheggiate a Soresina: il rituale sempre quello sfonda i finestrini e fruga negli abitacoli portando via tutto ciò che può avere un valore.

Solo questa notte ha messo a segno cinque colpi, in tutto sarebbero più di 40 in due mesi. Questa mattina i militari si sono presentati a casa sua, il 26enne pensava fossero lì per i furti di questa notte: si è barricato in casa e si è nascosto con il suo amico a quattro zampe in un armadio. Dopo una caccia stanza per stanza, i carabinieri, costretti a sfondare la porta, lo hanno arrestato. Durante la perquisizione è stata recuperata gran parte della refurtiva consistente in pc portatili, cellulari, ipad, utensili da lavoro, biciclette, orologi, abbigliamento e attrezzature per sport. Il 26enne arrestato è stato trattenuto negli uffici della Compagnia di Cremona in attesa della direttissima che avverrà nel corso della mattinata.