Il D-Più di viale Repubblica teatro dello scontro
Il D-Più di viale Repubblica teatro dello scontro

Crema, 27 novembre 2017 - «Metti giù quella bottiglia». Lui, il ladro, sorpreso dalla reazione della commessa, invece di obbedire le sferra un pugno. Lei, la commessa, per nulla intimorita, reagisce e gli stampa un paio di sonori ceffoni e lo tiene a bada fino all’arrivo della polizia. L’episodio è avvenuto domenica nel primo pomeriggio presso il supermercato D-Più di viale Repubblica, punto piuttosto noto per i continui furti, spesso da parte di stranieri.

Domenica intorno alle 14 un uomo di circa 25 anni è entrato nel negozio, ha fatto un rapido giro e ha preso un paio di bottiglie di liquore, valore pochi euro, nascondendole e cercando di passare inosservato e di andarsene senza pagare. Ma quando ha superato la cassa, la commessa lo ha fermato con decisione, portandolo in un angolo del supermercato in attesa del titolare. Nel frattempo la donna ha intimato al giovane a lasciare le bottiglie. In principio il giovane ha negato che avesse preso qualcosa, ma poi ha sferrato un pugno in pieno viso alla donna. La reazione che ne è scaturita è stata del tutto inattesa da parte del ladro. La cassiera, sia pur con il sangue che colava dal naso, ha assestato un paio di schiaffoni al ladro e lo ha steso su un bancale di acqua minerale, intimandogli di restare fermo. Intanto è arrivato il titolare del negozio che ha chiamato la polizia. Una volante è giunta in viale Repubblica dal vicino commissariato e ha prelevato il furfante. Una volta portato in via Macallè il giovane è stato identificato. Si tratta di uno straniero già noto alle forze dell’ordine. Del fatto è stato avvertito il magistrato di turno del tribunale di Cremona, il quale ha dato ordine di denunciare l’uomo per furto e poi di lasciarlo libero in attesa del processo. La commessa è stata portata al pronto soccorso per essere medicata. Non ha subito la frattura del naso, ma una forte contusione che guarirà in una decina di giorni.