Colpevole di violenza sessuale e cessione di droga a una diciottenne. Onofrio Lo Bianco, 45 anni di Cinisello Balsamo, ieri è stato condannato a 7 anni di reclusione, al termine del processo che si è svolto con rito abbreviato davanti al Gup di Como Andrea Giudici. Fin dal giorno del suo arresto, avvenuto a febbraio dello...

Colpevole di violenza sessuale e cessione di droga a una diciottenne. Onofrio Lo Bianco, 45 anni di Cinisello Balsamo, ieri è stato condannato a 7 anni di reclusione, al termine del processo che si è svolto con rito abbreviato davanti al Gup di Como Andrea Giudici. Fin dal giorno del suo arresto, avvenuto a febbraio dello scorso anno, l’imputato ha negato ogni accusa, sostenendo che la vittima era consenziente e che le sue dichiarazioni erano false. Ma il giudice ha invece ritenuto credibile le ipotesi a cui è arrivato il pubblico ministero Antonio Nalesso, che aveva chiesto 8 anni di reclusione. I fatti risalgono al 2 novembre 2019, quando la ragazza, che aveva accolto in casa Lo Bianco, avrebbe consumato con lui alcol e droga, arrivando fino a un episodio di abuso sessuale: la Procura contestava all’imputato di aver approfittato delle condizioni di inferiorità psicofisica della vittima, dovute appunto al consumo di stupefacenti e alcolici oltre il livello che era in grado di reggere. Nei confronti di Lo Bianco era stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare che lo aveva portato in carcere per alcune settimane. Durante le indagini preliminari, è anche stato fatto un incidente probatorio, durante il quale è stata sentita la diciottenne, che aveva, seppure a fatica, confermato buona parte di quanto detto nelle prime fasi dell’indagine, condotta dai carabinieri del Nucleo Operativo di Menaggio. A processo sono state prodotte due consulenze psichiatriche, commissionate dalla difesa, avvocato Davide Brambilla, e dalla Procura, giunte a una stessa conclusione: la presenza nella vittima di un disturbo borderline di personalità. Paola Pioppi