Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
18 feb 2022

Studenti sempre più impreparati È il frutto avvelenato della Dad

Le prove Invalsi fotografano una situazione allarmante: in alcune materie un alunno su due è rimasto indietro

18 feb 2022
federica pacella
Cronaca
La Dad è legata agli scarsi risultati ottenuti dagli studenti con le prove Invalsi
La Dad è legata agli scarsi risultati ottenuti dagli studenti con le prove Invalsi
La Dad è legata agli scarsi risultati ottenuti dagli studenti con le prove Invalsi
La Dad è legata agli scarsi risultati ottenuti dagli studenti con le prove Invalsi
La Dad è legata agli scarsi risultati ottenuti dagli studenti con le prove Invalsi
La Dad è legata agli scarsi risultati ottenuti dagli studenti con le prove Invalsi

di Federica Pacella La buona notizia è che, dopo circa due anni di didattica a distanza o integrata, le competenze dei ragazzi lombardi sono in media o addirittura sopra il livello nazionale. La cattiva è che, se si fa un confronto col livello pre-Covid, il trend è decisamente in calo, sia a livello regionale, che nel Nord-Ovest che in tutta Italia. Mal comune, in questo caso, non è mezzo gaudio, perché il peggioramento rilevato con le prove Invalsi rischia di diventare una zavorra nel percorso personale, formativo e professionale dei futuri cittadini. Gli esiti delle prove del 2021 dicono che, a livello regionale, il 75,2% degli studenti del quinto anno di superiori hanno raggiunto le competenze previste per l’italiano, il 73% in matematica: significa che almeno uno studente su quattro è rimasto indietro. Peggio va in inglese: il 69,7% ha competenze adeguate nella lettura, solo il 58% nell’ascolto. Tra i più piccoli, al quinto anno di scuola primaria, sono nettamente superiori le percentuali di quelli che hanno raggiunto risultati ottimali: il 94,3% nell’inglese scritto, l’86% nell’ascolto. Tanto? Poco? Sicuramente meno che in passato: nel 2019, il 79,1% degli studenti delle superiori lombardi aveva competenze adeguate (65,4% in Italia) contro il 75,2% del 2021 (in Italia la percentuale è solo del 56%); alle medie, nel 2018 era il 74,9% (65,6% in Italia), nel 2021 la percentuale è scesa al 63,1%, sopra il livello nazionale (60,8%), ma sotto la media del Nord-Ovest (64,1%). Tra le province, l’andamento è sostanzialmente omogeneo, con un trend in calo quasi ovunque rispetto alle prove del 2019 (nel 2020 non si sono tenute). Alle superiori, per quanto riguarda l’italiano, il dato peggiore si registra a Pavia, dove solo il 56,4% ha riportato competenze adeguate; il migliore, invece, è stato a Sondrio, con il 73,4%. Il peggior gap rispetto al 2019 ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?