Quotidiano Nazionale logo
15 feb 2022

Oltre settecento sfratti per morosità L’emergenza è ad alta tensione

I provvedimenti del Tribunale in forte crescita ma il problema non riguarda solo chi non paga l’affitto. Migliaia di famiglie, tra stranieri e precari, sono escluse dalla locazione per mancanza di garanzie

federica pacella
Cronaca

di Federica Pacella C’è la situazione estrema, quella dell’inquilino che non vuole o non può più pagare l’affitto e che si traduce nel provvedimento di sfratto. E poi c’è la “zona grigia“, che riguarda migliaia di famiglie, soprattutto straniere e precarie, che potrebbero pagare un affitto ma non hanno garanzie durature da offrire, tanto che i proprietari di casa preferiscono lasciare l’appartamento sfitto piuttosto che rischiare di trovarsi ad affrontare situazioni di morosità. Sono due aspetti dell’emergenza abitativa, non nuovi a chi si occupa del tema casa, ma che dopo il Covid rischiano di innescare tensioni sociali. Il numero degli sfratti è senz’altro quello che gli amministratori tengono sotto controllo. A Brescia il Comune nel 2021 ha registrato 258 sfratti di cui 224 per morosità, in netta crescita rispetto ai 151 del 2020, quando era però in vigore il blocco, e ai 238 del 2019. Nel biennio 2020-2021 sono stati oltre 1.400 i provvedimenti di sfratto per morosità del Tribunale di Brescia: 661 nel 2020 di cui 121 eseguiti, oltre 700 nel 2021 di cui 150 risultavano convalidati a fine ottobre. Numeri in crescita, seppur lontani da quelli successivi alla crisi finanziaria del 2009 e del 2012: l’annus horribilis resta il 2013, quando i provvedimenti di sfratto furono 2.300, di cui 950 eseguiti. La situazione resta monitorata: in Prefettura è operativo il tavolo sfratti, per evitare che la situazione diventi dirompente. L’altro tema, più difficile da fotografare con numeri e statistiche, riguarda la difficoltà di far incontrare domanda e offerta di case in affitto, per questioni legate non tanto alla solvibilità dell’aspirante inquilino, quanto al suo “capitale reputazionale“. "L’esperienza nel settore Casa e nei Servizi sociali ci dice che c’è una grossa difficoltà a trovare un alloggio in affitto – spiega Marco Fenaroli, assessore ai Servizi sociali del Comune di Brescia – per il timore che l’inquilino ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?