Guardia di Finanza, scoperta frode fiscale
Guardia di Finanza, scoperta frode fiscale

Brescia, 26 aprile 2018 - Maxi frode fiscale nel commercio di rame. La guardia di finanza di Brescia, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, ha scoperto che, tra il 2011 ed il 2015, società operanti nel settore del commercio della vergella e del filo di rame che, mediante l'emissione e l'utilizzo di fatture false per 515 milioni di euro, hanno frodato all'Erario oltre 60 milioni di euro. L'attività svolta dai finanzieri di Pisogne trae origine da una verifica fiscale condotta nei confronti di un'azienda operante nel settore del commercio di metalli non ferrosi e poi si è estesa ad un'ampia attività d'indagine nei confronti di altre 7 aziende.

I finanziari hanno scoperto che numerose operazioni commerciali erano delle mere finzioni allo scopo di garantire la giustificazione contabile a materiale mai comprato; i successivi approfondimenti, condotti sia sui documenti contabili che extra-contabili delle società scoperte, hanno poi consentito di quantificare con precisione la frode commessa tra il 2011 ed il 2015. I responsabili delle aziende (residenti nelle province di Brescia, Milano, Vicenza e Lecce) sono stati tutti denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brescia per i reati di emissione di fatture per operazioni inesistenti, dichiarazione fraudolenta ed occultamento di documenti contabili.