Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
28 gen 2022

Caffaro, parte l’iter della bonifica Una lunga attesa durata 21 anni

Anche se i primi cantieri si vedranno nel 2023, già da inizio febbraio si metterà in moto la procedura. E porterà ad avviare finalmente i lavori di messa in sicurezza e recupero del sito industriale

28 gen 2022
federica pacella
Cronaca

di Federica Pacella I primi cantieri si vedranno nel 2023, ma già dai primi giorni di febbraio si metterà in moto la procedura che porterà ad avviare finalmente i lavori di messa in sicurezza e bonifica nel sito industriale di Caffaro. Un passo che Brescia aspetta da 21 anni: era il 2001, infatti, quando venne alla luce il disastroso inquinamento da Pcb e diossine, oltre a cromo e metalli pesanti, nell’area di via Milano dove Caffaro, parte del gruppo Snia, ha prodotto Pcb dal 1938 al 1984 (era l’unico produttore italiano). "Il decreto di approvazione del progetto definitivo per il sito industriale è un passaggio chiave", lo ha definito l’assessore comunale all’Ambiente Miriam Cominelli. I tempi, illustrati in Loggia dal commissario straordinario Mario Nova, prevedono che il 2022 sia dedicato alla gara europea da 70,4 milioni già finanziati dal Ministero. I primi cantieri si vedranno nel 2023 mentre la chiusura è prevista per il 2028, al netto di possibili ritardi legati a ricorsi nella gara e interventi aggiuntivi che potrebbero rendersi necessari quando si smantelleranno edifici e impianti del sito. Nel frattempo, in parallelo fra due settimane Caffaro Brescia (società che non c’entra con quella dell’inquinamento storico) avvierà i lavori per la nuova barriera idraulica. "Sarà poi necessario reperire ulteriori risorse, per accompagnare l’opera di risanamento ambientale anche con operazioni di riqualificazione territoriale più ampia del sito industriale e del Sin nel suo insieme", ha spiegato Nova, con riferimento alle aree private. "L’Amministrazione è disponibile - ha risposto il dirigente del ministero dell’Ambiente Giuseppe Lo Presti- se la Regione proporrà ulteriori necessità anche nel sito Caffaro, non saranno trascurate". Ulteriori risorse potrebbero arrivare dai privati. Il 28 ottobre scorso, infatti, la Corte d’Appello di Milano ha condannato la multinazionale Livanova Plc (nata nel 2004 dal Gruppo Snia) a rimborsare allo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?