Esultanza di Torregrossa per il gol
Esultanza di Torregrossa per il gol

Brescia, 3 novembre 2018 - Il Brescia allunga la sua serie positiva e torna dal campo di un brillante Foggia con un pareggio di sostanza. Il 2-2 finale sancisce, forse, il risultato più giusto di una gara dalle mille emozioni, che ha visto le due contendenti creare una nutrita serie di palle-gol con un gioco incisivo e propositivo.

Le Rondinelle partono di buona lena e dopo 15" conquistano già un angolo. La battuta rimane senza esito, ma non avviene così per la risposta dei rossoneri, che al 6' affondano nella difesa ospite. E' l'ex capitano Zambelli a porgere un invitante assist al centro dell'area, dove Mazzeo anticipa tutti e di testa porta in vantaggio i pugliesi. Si mette subito in salita la gara del Brescia, che non riesce a reagire con prontezza e rischia l'immediato raddoppio con Galano e Gerbo, che nel giro di un paio di minuti minacciano la rete difesa da Andrenacci. La squadra di Mister Corini, però, tiene il passo e al 14' firma il pronto pareggio con Torregrossa, che sfrutta in bello stile un servizio profondo di Ndoj e trafigge Bizzarri. Ristabilita la parità, la gara si mantiene intensa e ricca di capovolgimenti di fronte. Ndoj e Kragl chiamano al lavoro le opposte difese, mentre Torregrossa comincia una sorta di sfida personale con la retroguardia rossonera, tentando ben tre spunti nel breve spazio di pochi minuti. Il Brescia, che al 35' deve rinunciare a Curcio per un problema fisico (al suo posto Mister Corini schiera Mateju), chiama Bizzarri ad un non facile lavoro poco dopo la mezzora, ma il portiere pugliese neutralizza le conclusioni di Romagnoli e Morosini. Al 36' il Foggia va vicino al nuovo vantaggio, ma Andrenacci respinge la sventola di Gerbo e sulla ribattuta Ranieri colpisce la parte bassa della traversa, permettendo alla difesa ospite di allontanare.

Si va così al secondo tempo, con i Satanelli che partono di gran carriera e si rendono pericolosi nei primi minuti con Galano e con Deli. I frutti della pressione rossonera non tardano ad arrivare e al 7' Gerbo scaglia la precisa conclusione che non lascia scampo ad Andrenacci. Il Brescia potrebbe pareggiare rapidamente ancora una volta, ma al 14' Spalek, liberato al tiro da Torregrossa, calcia malamente sopra la traversa con Bizzarri ormai fuori causa. Le Rondinelle cercano di premere con continuità e al 18' inseriscono il bomber Donnarumma per fare breccia nella difesa degli avversari che da pochi minuti giocano in dieci per la seconda ammonizione subita da Camporese. La squadra di Corini insiste all'attacco e, dopo un paio di spaventi per la tifoseria pugliese, al 38' Tremolada su punizione disegna la splendida palombella che non lascia scampo a Bizzarri per la rete di quello che diventerà il 2-2 definitivo. Nei restanti, spettacolari minuti, infatti, le due squadre continuano a cercare il risultato pieno, ma il punteggio, complice una prodezza di Andrenacci su una punizione di Kragl all'ultimo istante di recupero, rimane immutato.

Foggia-Brescia 2-2 (1-1)

Foggia (3-5-2): Bizzarri 6,5; Martinelli 6, Camporese 6, Ranieri 6; Zambelli 6,5, Deli 6 (18’ st Tonucci 6), Gerbo 6,5, Carraro 6; Kragl 6,5; Mazzeo 6,5 (24’ st Iemmello 6), Galano 6,5 (26’ st Agnelli 6). A disposizione: Noppert, Loiacono, Busellato, Rubin, Cicerelli, Rizzo, Boldor, Gori, Chiaretti. All: Grassadonia.
Brescia (4-3-3): Andrenacci 7; Sabelli 6,5, Cistana 6, Romagnoli 6,5, Curcio 6 (35’ pt Mateju 6); Bisoli 6, Tonali 6, Ndoj 6,5; Spalek 6 (26’ st Tremolada 6,5), Torregrossa 6,5, Morosini 6 (18’ st Donnarumma 6). A disposizione: Alfonso, Carillo, Gastaldello, Martinelli, Cortesi. All: Corini.
Arbitro: Marini di Roma 6.
Reti: 6’ pt Mazzeo; 14’ pt Torregrossa; 7’ st Gerbo; 38’ st Tremolada.
Note:ammoniti: Camporese; Sabelli; Torregrossa – espulso: 18’ st Camporese - angoli: 11-4 per il Brescia – spettatori: 10.000 circa – recupero: 2’ e 3'.