Valbondione, escursionista ferito dalla frana: assolti Comune e Parco delle Orobie

Venne colpito da un grosso masso e fece causa. Il sindaco: "Una sentenza che riteniamo giusta, la montagna presenta sempre dei rischi"

Un sentiero di montagna nel comune di Valbondione

BERGAMO//COMUNE DI VALBONDIONE VINCE CAUSA INTENTAGLI DA ESCURSIONISTA FERITO SU UN SENTIERO//FOTO DE PASCALE

Valbondione (Bergamo), 21 marzo 2024 – Il 23 settembre del 2017, intorno alle 10.30, mentre stava percorrendo il sentiero numero 301, lungo il tracciato Valbondione-Rifugio Merelli sul monte Coca, era stato travolto da un masso staccatosi dalla parete. Dopo averlo colpito, il grosso sasso era rotolato a valle.

L’escursionista bergamasco ferito era stato soccorso e ricoverato all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo. Una volta dimesso aveva maturato l’intenzione di fare causa contro il Comune di Valbondione e il Parco delle Orobie, chiedendo il risarcimento dei danni (patrimoniali e non), per un ammontare di 411.425 euro. Secondo l’uomo, il sentiero sul quale stava camminando non sarebbe stato messo in sicurezza.

La vicenda giudiziaria si è conclusa nei giorni scorsi con la sentenza pronunciata dalla terza sezione civile del Tribunale di Bergamo, che ha assolto l’amministrazione comunale di Valbondione e l’ente Parco delle Orobie, escludendo ogni loro responsabilità nell’accaduto e quindi respingendo la richiesta dell’escursionista. Il giudice, in sostanza, ha stabilito che l’episodio non si è verificato per le condizioni del sentiero, ma per effetto della caduta di un masso staccatosi probabilmente da un punto non identificabile della cresta sovrastante. Un geologo, il cui parere è stato acquisito nel corso del procedimento, ha accertato che è impossibile mettere in sicurezza tutta la montagna perché, in pratica, "si dovrebbe impacchettarla".

“Siamo estremamente soddisfatti di questa giusta sentenza – spiega il sindaco di Valbondione, Romina Riccardi – che mette in chiaro un problema: la montagna ha sempre presentato e sempre presenta insiti pericoli per coloro che la frequentano. Non sono certamente i Comuni montani o i Parchi responsabili di ciò. Ferirsi per cause diverse o, purtroppo, perdere la vita frequentando la montagna in ogni stagione può succedere a chi, per passione e per diletto, la frequenta. Se le responsabilità di ciò potessero essere imputabili ai Comuni, scatterebbe un divieto, quanto mai dannoso anche per il turismo montano, di frequentarla".