Agenti in stazione a Treviglio
Agenti in stazione a Treviglio

Treviglio (Bergamo), 26 aprile 2018 - La zona della stazione di Treviglio non conosce pace. Nella giornata di martedì 24 aprile si sono verificati altri due casi. In entrambi i casi le forze dell’ordine sono riuscite ad arrestare i malintenzionati, entrambi di nazionalità marocchina. Nel primo caso si è trattato di uno scippo violento; nel secondo addirittura di due tentativi di aggressione con una cintura in cuoio. Per quanto riguarda lo scippo, la vittima è una studentessa di 17 anni che stava rientrando dalla lezioni scolastiche. L’autore è stato arrestato poco dopo dai carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Treviglio. Si tratta un marocchino 21enne, pregiudicato, con il permesso di soggiorno scaduto da oltre un anno. Secondo una ricostruzione da parte dei militari, l’extracomunitario si trovava sullo stesso convoglio che in quel momento era fermo alla stazione di Treviglio. In un vagone c’era la studentessa: aveva in mano il telefonino. Il marocchino si è avvicinato e con violenza lo ha strappato di mano.

Lo scippatore è poi scappato a piedi nel tentativo di far perdere le proprie tracce. La ragazza ha tentato di inseguire personalmente il malvivente, mentre nel frattempo alcuni passanti allertavano i carabinieri. I militari sono riusciti ad individuare lo scippatore poco dopo e durante la perquisizione hanno trovato il cellulare della studentessa nascosto in un calzino. Arrestato, verrà processato per direttissima.

La stessa sorte è toccata ad un altro marocchino di 28 anni, che però ha fatto faticare non poco gli agenti del commissariato di Treviglio. La polizia si era messa sulle sue tracce in seguito a due segnalazioni ricevute nella serata del 24 aprile: la prima arrivata ad una ragazza che lamentava un tentativo di aggressione da parte di un uomo con una cintura in cuoio. Tentativo perchè la giovane era riuscita a scappare. Poco dopo al commissariato arrivava analoga segnalazione da parte di un gruppo di minorenni. Entrambi gli episodi si erano verificati in zona stazione. Gli agenti infatti riuscivano a rintracciare l’aggressore in piazza Inserruzione in evidente stato di alterazione da stupefacienti. L’uomo, mentre affermava di appartenere all’Isis, si ribellava agli agenti ferendone due. Per sedarlo è stato necessario l’intervento dell’ambulanza.