I rientri all'aeroporto di Orio al Serio
I rientri all'aeroporto di Orio al Serio

Bergamo, 15 agosto 2020 - Ci sono turisti bergamaschi che stanno rientrando dalle vacanze e devono sottoporsi al tampone, come da ordinanza del mistero della Salute che lo impone a chi torna da Spagna, Grecia, Croazia e Malta, ma non sanno cosa fare. Allo scalo di Orio al Serio non vengono effettuati. Rimangono il presidio medico aeroportuale di sempre e il passaggio ai termo scanner. Le misure previste si applicano a tutte le persone anche se asintomatiche, indipendentemente dalla cittadinanza, dalla motivazione e senza eccezioni. È difficile che i vacanzieri arrivino con il test già fatto in villeggiatura. Vale l’attestazione, se il test è stato effettuato nelle 72 ore antecedenti all’arrivo. Ma sono pochi quelli che ne sono in possesso.

Così a partire da ieri si sono registrate code fuori dai pronto soccorso dell’ospedale Bolognini di Seriate e del Pesenti Fenaroli di Alzano Lombardo, che sono tra i presidi indicati dall’Ats (Agenzia di tutela della salute) di Bergamo per eseguire il tampone ai vacanzieri dopo il rientro dai Paesi stranieri indicati dalla ordinanza ministeriale. 

Anche i medici e gli infermieri sono sembrati spiazzati, evidentemente non si aspettavano così tanta gente. Tant’è che qualcuno entrando in ospedale per una visita, vedendo quella fila si è chiesto come mai. Tra i presidi indicati dall’Ats ci sono anche Lovere, Chiari e Treviglio. E nel pomeriggio sia a Seriate che ad Alzano Lombardo il personale sanitario ha cercato di spostare alcuni utenti su altri ospedali, perché la situazione sta diventando insostenibile. 

"Per fare fronte alle numerose richieste che prevediamo possano giungere visto il periodo di ferie – ha dichiarato Lucia Antonioli, direttore del Dipartimento di igiene e prevenzione sanitaria di Ats Bergamo – stiamo organizzando l’attività di esecuzione dei tamponi in modo che lo stesso venga eseguito in tempi rapidi evitando assembramenti. Tutte le informazioni riguardo le modalità di prenotazione ed esecuzione dei tamponi verranno pubblicate nella sezione “Coronavirus” sul sito internet aziendale; nella stessa sezione sarà reperibile il modulo per la comunicazione dell’ingresso in Italia".