Quotidiano Nazionale logo
17 feb 2022

Maltrattamenti all’asilo, in causa anche il Comune

La struttura al centro del processo per anni era stata accreditata. Il Municipio deve rispondere

A processo per maltrattamenti c’è l’educatrice nonché titolare di un asilo nido in città, P.M.M. di 52 anni. Tre le parti civili, altre undici le parti offese. L’imputata, assistita dagli avvocati Fabio Pezzotta e Sara Veri ha scelto il dibattimento perché vuole difendersi. Sarà un processo ricco di testimonianze, ma prima che entri nel vivo (a giugno) ieri i giudici dovevano decidere se accogliere la richiesta di una delle tre parti civili (avvocati Enrico Cortesi, Michele Filippelli, Francesca Vitale) di chiamare in causa il comune di Bergamo come responsabile civile perché il nido per anni era stato accreditato proprio per il suo metodo montessoriano. Ebbene, il collegio, presieduto dal giudice Patrizia Ingrascì ha dato ragione al pm e alle parti civili, chiamando in causa il Comune. "Il 90 per cento delle accuse sono senza riscontro — dice uno dei legali che difende l’educatrice —. Non possiamo fare un processo perché i bambini piangono. Spiegheremo la metodologia montessoriana mirata a far acquisire autonomia ai bambini. Neghiamo ogni maltrattamento". Il pm Chiara Monzio Compagnoni, invece, nell’imputazione alla titolare dell’asilo nido descrive tutto un altro scenario, di maltrattamenti. Insulti ai bimbi con parolacce, minacce di lasciarli soli nei lettini perché piangono, scarsa cura, sberle e sculacciate e, documentato con le microcamere piazzate dalla Squadra mobile, una bimba costretta con la forza a sdraiarsi nel lettino perché dormisse. Tutto era iniziato con l’esposto di una mamma, a novembre 2019. Lei e il marito videro per caso l’asilo nido in questione passandoci spesso. Ci andarono per capire la gestione, parlarono con la titolare che illustrò loro tutto e mostrò la struttura. Si convinsero. Ma il loro bimbo di un anno dopo un po’ iniziò a non dormire di notte, non voleva stare nel suo lettino, faticava a separarsi da loro. La neo mamma portò via ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?