Quotidiano Nazionale logo
21 feb 2022

L’ospedale sarà demolito e rinascerà come polo per donne e bebè

Il sindaco Bertocchi: "Una parte dei finanziamenti è già a disposizione"

Camillo Bertocchi, primo cittadino di Alzano Lombardo
Camillo Bertocchi, primo cittadino di Alzano Lombardo
Camillo Bertocchi, primo cittadino di Alzano Lombardo

(Bergamo) Diventerà un polo dedicato alla mamma e al bambino l’ospedale di Alzano Lombardo, il comune della media Valle Seriana che con Nembro e Bergamo è stato tra i più colpiti dalla prima ondata di Covid in Italia. La struttura, al centro di uno dei capitoli dell’inchiesta sulla gestione della pandemia che la Procura di Bergamo si appresta a chiudere, verrà chiusa gradualmente per essere poi svuotata e demolita. La notizia è stata confermata dal sindaco di Alzano, Camillo Bertocchi, che ha spiegato che "in contemporanea verrà costruito e aperto un nuovo edificio che ospiterà tutte le specialità per i bimbi e le donne di ogni età: dalla pediatria al punto nascita, dalla neuropsichiatria infantile alla ginecologia fino alla geriatria". "Una parte dei finanziamenti – sottolinea Bertocchi – sono già arrivati e mi aspetto che in un anno vengano almeno approvati i progetti". Nel “libro dei sogni“ dell’amministrazione comunale di Alzano c’è anche la nascita, nel vicino monastero, di un distaccamento della facoltà di medicina e, in un ex cementificio, di un istituto tecnico superiore per 1.500 studenti. "Per questo – prosegue Bertocchi – ho appena incontrato uno dei sottosegretari all’istruzione che è venuto di persona ad Alzano. Bisogna, però, trovare la via per accedere ai fondi del Pnrr". Le nuove strutture fanno parte della voglia di ricostruire che anima il paese della media Valle Seriana, anche se mai verrà cancellata la memoria di quella tragedia che ha colpito la Bergamasca nel 2020, testimoniata dalle immagini delle lunghe fila di camion dell’esercito con sopra migliaia di bare contenenti le persone morte a causa del Covid. "Il dolore è ancora forte – conclude Bertocchi –, ma c’è anche una grandissima voglia di reagire". Anche le inchieste giudiziarie nate attorno alla pandemia stanno per arrivare a un punto fermo e non sono esclusi colpi ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?