Lecco, mossa della disperazione: più che Malgrati serve un miracolo

Ennesima scossa in panchina ma la C sembra inevitabile. Al posto di Aglietti torna. il tecnico cacciato a febbraio. .

Lecco, mossa della disperazione: più che Malgrati serve un miracolo

Lecco, mossa della disperazione: più che Malgrati serve un miracolo

Andrea Malgrati è il nuovo allenatore del Lecco. Come anticipato ieri, dopo una chiacchierata col patron lecchese Paolo Di Nunno, sulla panchina del Lecco torna Andrea Malgrati che guiderà la squadra, insieme al suo secondo Nuciarelli, fino al termine della stagione.

L’ufficialità l’ha data la società bluceleste ieri mattina con un comunicato stampa nel quale, dopo aver sollevato dall’incarico Aglietti, il secondo Cesar e il preparatore atletico Sorbello, ringraziandoli per l’operato, ha annunciato, così come ci aveva anticipato ieri il patron Di Nunno, di "aver affidato a mister Andrea Malgrati, con il collaboratore Nenciarini, la guida tecnica della prima squadra. Mister Malgrati allenerà in deroga fino al termine della stagione".

L’ufficialità di una decisione già presa lunedì, dopo il deludente 1-1 contro il Cittadella, è stata data solo ieri perché la società ha dovuto attendere la deroga da parte della Federcalcio per permettere a Melgrati, non ancora in possesso del patentino di allenatore che sta conseguendo proprio in queste settimane a Coverciano, di avere la dovuta deroga.

Quello di Malgrati sulla panchina del Lecco è in verità un ritorno perché il quarantenne lecchese, dopo aver terminato la carriera nel 2021 proprio con le Aquile del Resegone, era già stato alla guida dei blucelesti, in qualità di vice allenatore assai operativo e decisivo, la scorsa stagione insieme a mister Luciano Foschi, nell’anno del ritorno in B dopo 50 anni, e, dopo l’esonero di Foschi alla sesta di campionato, al fianco di mister Emiliano Bonazzoli, col quale era riuscito a conquistare 19 dei 22 punti attuali dei lecchesi, fino all’esonero avvenuto il 12 febbraio dopo una serie di ko consecutivi.

Ma la squadra non ha affatto svoltato con Aglietti al quale il patron Di Nunno ha dato il benservito dopo 7 partite e soli 2 punti conquistati. Malgrati, alla sua ’’prima’’ da capo allenatore, si ritrova un Lecco ultimissimo, a quota 22 e a 10 punti dalla zona playout, e ormai a meno di un passo dalla retrocessione in C.

Il suo compito è quello di ritornare al più presto alla vittoria e di lottare per la salvezza finché la matematica lo consenta. Il primo impegno in panchina per Andrea Malgrati sarà sabato pomeriggio in casa dello Spezia per quella che è l’ultimissima spiaggia.

Nel frattempo proseguono le trattative per la possibile cessione del club, ipotesi sempre più probabile anche se tanti tasselli devono ancora andare al loro posto.