Grumello del Monte, sfregia e rapina una donna. Poi in caserma prende a sediate i carabinieri

La ragazza si è salvata grazie all’intervento di un passante. L’aggressore ora si trova in carcere con l’accusa di rapina, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale

Carabinieri foto generica

Carabinieri foto generica

Si è salvata grazie all’intervento di un passante che poco prima aveva notato un uomo tirare per i capelli una donna lungo la strada per Gorlago. È successo martedì sera intorno alle 22.20. I carabinieri della stazione di Grumello del Monte hanno arrestato Y.E.F, marocchino, 51 anni, senza fissa dimora, con precedenti: ora si trova in carcere con l’accusa di rapina, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale.

La vittima è una 48enne, originaria della provincia di Verona: i due si conoscono. Già qualche mese fa lui aveva tentato di soffocarla. E l’altra sera l’ha aggredita, lasciandole sul volto e sul collo i segni. Tutti e due erano in stato di alterazione. Dopo averla picchiata il 51enne le ha portato via la borsa con il cellulare e 6 euro. La refurtiva è stata trovata addosso all’arrestato.

All’arrivo dei carabinieri, l’aggressore era tranquillamente seduto sul marciapiede, mentre la donna, terrorizzata, prima ha chiesto aiuto agli automobilisti in transito, poi si è rifugiata all’interno di un ristorante situato nelle vicinanze per trovare riparo. Scattato l’allarme, la pattuglia ha fermato il marocchino che è stato condotto in caserma, ma negli uffici, durante la compilazione degli atti, il marocchino ha dato è andato in escandescenze, ad un certo punto ha preso una sedia e ha colpito ripetutamente i carabinieri che si sono visti costretti ad utilizzare il «taser» per bloccarlo. Due militari sono rimasti feriti in modo lieve. Ieri mattina il marocchino è stato processato per direttissima e il giudice ha disposto il carcere. Il difensore ha chiesto i termini a difesa: il processo è stato aggiornato all’8 gennaio.