Accademia Carrara a Bergamo
Accademia Carrara a Bergamo

Bergamo, 18 maggio 2020 - L'Accademia Carrara di Bergamo riapre il 22 maggio e, tra le altre misure per garantire il rispetto delle norme anti-covid, offrirà ai visitatori un braccialetto segnalatore della distanza minima, in grado di avvertire, tramite una vibrazione e una luce a led, il superamento della soglia minima. Inoltre, al termine di ogni visita, il braccialetto permette di raccogliere informazioni utili per possibili e ulteriori aggiornamenti delle soluzioni di sicurezza. Grazie alla variazione del colore del led, il personale del museo sarà infatti informato circa l'avvenuto rispetto delle distanze predefinite da parte del pubblico.

Nella grande sala di accoglienza è stato predisposto un sistema di rilevazione automatica della temperatura con termoscanner e sono disponibili altri prodotti come la soluzione idroalcolica disinfettante per le mani (di cui il visitatore potrà usufruire lungo tutto il percorso di visita), mascherine e guanti per chi ne fosse sprovvisto. All`interno lo staff ha lavorato a un ripensamento del percorso espositivo, anche grazie a una nuova segnaletica a terra, per permettere maggiore fluidità dipassaggi, ma il più importante e nuovo presidio è affidato al dispositivo per la gestione delle distanze.

Il pubblico potrà visitare la collezione permanente del museo e Il suono del becco del picchio di Antonio Rovaldi, ospitata in Ala Vitali, un progetto GAMeC - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo. Per agevolare l'ingresso in museo, necessariamente contingentato, Accademia Carrara offre la possibilità di prenotare la propria visita online tramite prevendita da www.ticketlandia.it o telefonando al numero telefonico 328 1721727, servizi entrambi attivi dal 20 maggio.
Infine, il museo introduce il pagamento attraverso la modalità satispay, per disincentivare l'uso del contante.