Briantea, dieci e lode. Lo scudetto è di Cantù

Festa vera davanti ai tifosi per un traguardo storico e ampiamento meritato . Il S. Stefano Kos Group è stato fino in fondo un degno avversario della UnipolSai .

Il 23 marzo 2024 resterà una data storica per l’UnipolSai Briantea84 Cantù, che ha conquistato il decimo scudetto della sua gloriosa storia nel basket in carrozzina, imponendosi con determinazione e talento sul Santo Stefano Kos Group per 56 a 46 nel palazzetto del PalaMeda. Questo trionfo arriva dopo una vittoria altrettanto significativa in gara 1, dove i canturini avevano già messo in mostra la loro superiorità, prevalendo per 72 a 68.

La finale di gara 2 si è presentata come un appuntamento carico di aspettative, con la Briantea84 pronta a sfruttare l’opportunità di chiudere la serie e festeggiare davanti al proprio pubblico. Nonostante l’assenza iniziale di Steve Serio, elemento chiave della squadra, limitato da un infortunio ma comunque presente per supportare i compagni, la formazione guidata da coach Josef Jaglowski ha dimostrato fin dalle prime battute di essere all’altezza dell’evento.

Il quintetto iniziale, composto da Patzwald, Sbuelz, Carossino, De Maggi e Berdun, ha trovato subito la giusta alchimia, contrastando efficacemente il Santo Stefano, che ha risposto con Raimondi, Tanghe, Veloce, Giaretti e Bedzeti.

Il match si è acceso immediatamente, con un primo quarto che ha visto la Briantea prendere le redini del gioco, chiudendo avanti per 16 a 11.

Il secondo quarto ha confermato la tendenza, con la Briantea che ha ampliato il proprio vantaggio, grazie a una difesa solida e attacchi ben orchestrati, portando il punteggio all’intervallo sul 31 a 19. Questo margine ha permesso alla squadra di gestire con maggiore serenità la seconda metà della partita.

Nel terzo quarto, nonostante un tentativo di reazione da parte del Santo Stefano, che ha cercato di impensierire i canturini riducendo il distacco, la Briantea ha mantenuto un controllo saldo sul match, chiudendo il quarto sul 43 a 32. L’ultima frazione di gioco ha visto un Santo Stefano combattivo ma incapace di operare la rimonta, con la Briantea che ha sapientemente gestito il vantaggio, portando a casa una vittoria per 56 a 46.

Questa vittoria non è solo il frutto di una singola partita, ma il risultato di un percorso di crescita, dedizione e lavoro di squadra che ha permesso alla Briantea84 Cantù di iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro del basket in carrozzina italiano per la decima volta. Un traguardo che testimonia la forza, la coesione e lo spirito di un gruppo capace di superare ogni ostacolo, confermandosi come punto di riferimento indiscusso della disciplina. La Briante è ormai da anni ai vertici della specialità, con importanti risultati anche in Europa, a conferma dello sviluppo dell’intero movimento.