Boscacci e Magnini. La notte porta... vittorie

Cento le squadre ai nastri di partenza della super classica “by night” . Dopo il successo un attacco influenzale: niente Pierra Menta per il valtellinese .

Boscacci e Magnini. La notte porta... vittorie

Boscacci e Magnini. La notte porta... vittorie

Prosegue la stagione d’oro (una delle tante a dire la verità) di Michele Boscacci. Il valtellinese, più volte Campione del Mondo, in coppia con Davide Magnini è stato imprendibile nella 13ª Monterosa Skialp.

Gli alpini del Cs Esercito, secondi a Champoluc nel 2020, sono infatti tornati alla Monterosa Skialp stampando anche il nuovo record della gara.

Sul percorso con partenza e arrivo da Gressoney la Trinité ora il tempo da battere sarà il loro 2h36’32”. La carriera parla per il valtellinese: ha vinto due volte la classifica di Coppa del Mondo, nel 2016 e nel 2018. In quattro edizioni dei campionati mondiali, dal 2013 al 2019, ha inoltre conquistato 2 medaglie d’oro, 5 d’argento e una di bronzo.

Boscacci non sarà però al via oggi del Pierra Menta: "Purtroppo da lunedì sera sono costretto in casa con la febbre…. Non sarò dunque al via di questa fantastica gara. Il mio compagno Matteo Eydallin fortunatamente ha trovato all’ultimo minuto un altro compagno. In bocca al lupo a tutti i concorrenti". Peccato perchè l’azzurro era in grande forma.

Tornando alla gara di Gressoney: la fatica degli atleti ci parla delle cinque ripidissime salite con altrettante discese rese ancora più insidiose da nebbia e nevischio. Condizioni che fanno di quella Valdostana una tra la più ’’strong scialpinistiche’’ in notturna a livello mondiale.

Pronti via e al maschile Boscacci-Magnini hanno ingaggiato un duello con gli altri italiani Alex Oberbacher -William Boffelli durato sino a metà gara. Poi, mentre di due alpini prendevano il largo, i loro diretti avversari subivano il ritorno dell’inedito duo Matteo Eydallin-Werner Marti. Al traguardo di Gressoney standing ovation per Boscacci-Magnini (2h36’32”), secondo posto per Marti-Eydallin 2h38’16” e terzo per Boffelli-Oberbacher 2h42’22”. Completano la top five i transalpini Gedeon Pochat-Francois D’Haene e i locali Jacques e Didier Chanoine.

Nella femminile sul gradino più alto del podio salgono la veneta Martina Valmassoi e la bergamasca Claudia Boffelli. Per loro una gara tutta all’attacco che le ha portate a chiudere vittoriose in 3h30’13” . Resiste quindi il best time 2022 di Alba De Silvestro e Giulia Murada (3h05’18”).

Alle spalle di Valmassoi-Boffelli seconda piazza per Giuditta Turini Katrin Bieler (3h43’35) . Sul podio Claudia Tiolo e Silvia Duca (4h09’27”). Seguono nell’ordine Giulia Lantelme-Valentina Picca e Marika Sette-Chiara Musso.