Battuti Real e Barcellona ma troppe cadute evitabili

In Eurolega ha superato le prime in classifica, la qualificazione però è in dubbio. Messina: "Consideriamola solo una vittoria, giochiamo e vediamo cosa succede".

Battuti Real e Barcellona ma troppe cadute evitabili

Battuti Real e Barcellona ma troppe cadute evitabili

Si può battere la formazione campione d’Europa in carica e attualmente dominatrice della stagione in corso e finire pensando più al rammarico che alla gioia? La risposta è certamente affermativa se a farlo è l’Olimpia Milano di questa incomprensibile stagione.

Al Forum è andata in scena l’ennesima dimostrazione di quanto questa squadra possa davvero fare tutto (ma proprio tutto) e il contrario di tutto.

L’Armani ha vinto con il Real Madrid, ma non solo, ha battuto anche due volte il Barcellona, ossia ha colto 3 successi in 4 squadre contro le formazioni ai primi due posti in classifica. Ha superato le formazioni con le quali si sarebbe voluta confrontare tutto l’anno, ma in realtà diventano solo ’’vittorie di Pirro’’ per tutto quello che di altro ha combinato l’Olimpia in stagione. 17 volte in vantaggio al primo tempo (più altri 2 pareggi), ma solo 11 reali vittorie. Ad eccezione del match vinto al Forum contro il fanalino di coda Villeurbanne ha perso almeno una volta con tutte le formazioni che al momento non parteciperebbero alla seconda fase (dall’11esima alla 17esima) vanificando tutti gli sforzi ad alto livello. Se la classifica con sole due vittorie di distanza dal 10° posto dice che non sarebbe così impossibile il raggiungimento del play-in, lo dice un po’ di più il calendario con ben 5 trasferte nelle ultime 8 gare.

Si ripartirà dopo la pausa per le coppe nazionali e per le qualificazione agli Europei, il primo appuntamento sarà il 1° marzo proprio contro il Villeurbanne e quello sarà un test fondamentale perchè Milano ha dimostrato di poter battere la prima della classe, ma anche di poter perdere con l’ultima.

Giustamente intanto Messina si gode successo: "Bellissima vittoria, contro i Campioni d’Europa. Bella per noi, per i tifosi, per tutti. Abbiamo giocato un primo tempo eccezionale, poi la differenza rispetto ad altre volte è che nel terzo quarto il punteggio è stato in equilibrio. Ovviamente Shields e Mirotic hanno segnato 50 punti in due contro il Real Madrid, sono stati incredibili, ma non si vince solo se giocano bene in due. Tutti hanno dato tanto".

Allo stesso modo tiene anche i piedi per terra: "Non so quale sitoria. Non vorrei enfatizzarla o sminuirla, è semplicemente una vittoria. Continuiamo a giocare e vediamo cosa succede. La pausa lunga è una novità, quindi nessuno sa come reagiranno le squadre".