Gli abbracci fanno bene a corpo e mente. Parola di psichiatra

Domenica 21 gennaio si celebra la Giornata mondiale dell'abbraccio. L’esperto: “Il linguaggio del corpo è altrettanto importante di quello verbale”

Giornata mondiale dell'abbraccio
Giornata mondiale dell'abbraccio

Bergamo – Abbassano la pressione sanguigna, rafforzano le difese immunitarie e aiutano le funzioni cerebrali, attenuando l'ansia e rinforzando l'autostima. Sono tanti i benefici degli abbracci, specie se protratti e quotidiani.

A tornare sull'argomento, in vista della Giornata mondiale dell'abbraccio, domenica 21 gennaio, Emi Bondi, presidente della Società Italiana di Psichiatria e direttore del dipartimento di salute mentale dell'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Nell'intervista rilasciata a ‘Caffé & Psichiatria’, canale tematico YouTube di ‘Psychiatry on line Italia’, nato in collaborazione con la Società Italiana di Psichiatria (SIP), Bondi ha sottolineato il significato e l'importanza di un gesto così semplice e significativo per il nostro benessere.

“L'abbraccio sottintende due cose: la prima è il contatto fisico, l'altro aspetto è quello dell'accoglimento dell'altro - spiega -. Abbracciarsi significa avere la sicurezza che qualcuno si prende cura di te. Si abbraccia per consolare e per calmare, per esprimere la gioia di vedersi e quando ci si congeda da una persona l'abbraccio significa, come lo è anche quello della mamma, vai e cammina nel mondo, sapendo che ci sono. Questo è rassicurante. Non si deve trascurare la fisicità dei rapporti, un abbraccio vale quanto le parole. Fa parte del linguaggio del corpo ed è altrettanto importante di quello verbale”.

A ricordarcelo ogni anno, la giornata mondiale dell'abbraccio, nata negli Usa nel 1986 grazie a un'iniziativa del reverendo Kevin Zaborny, con l'obiettivo primario di alleviare la tristezza percepita nel mese di gennaio e sottolineare così l'importanza dello scambio. Diversi gli studi a sostegno del loro potere rassicurante e benefico. Un gruppo di ricercatori della Carnegie Mellon University, invitando un campione di 400 adulti ad abbracciarsi giornalmente per due settimane ed esponendoli a un virus respiratorio, ha scoperto per esempio che più ne ricevevano, minore era il rischio di infezione. Ma come garantirci la giusta dose di abbracci quotidiana? I ricercatori non hanno dubbi, basta praticare sport di contatto, farsi fare un massaggio, accarezzare noi per primi un animale domestico o semplicemente abbracciare noi stessi più frequentemente.