Monza, 25 giugno 2017 - Dopo il primo turno delle elezioni comunali (TUTTI I RISULTATI: ECCO I SINDACI ELETTI AL PRIMO TURNO) domenica 25 giugno è il giorno del ballottaggio. Per 27 città lombarde il nome del nuovo sindaco si deciderà infatti con il secondo turno di consultazioni. Alle alle 23 affluenza al 43,31%, alle 19 del 30,96% (alle 12 del 13,61%). 

Ecco tutti i comuni al ballottaggio in provincia di Monza e Brianza

CESANO MADERNO - Ballottaggio a Cesano Maderno Maurilio Longhin (46%) il candidato del centrosinistra sostenuto da Vivi Cesano, Alleanze Civiche, Partito democratico, La Cesano che vogliamo, Udc e Luca Bosio (32,3%), il candidato del centrodestra sostenuto da Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia. Al primo turno Dario Pizzarelli, candidato del Movimento 5 Stelle si è fermato al 9,7%. Nadia Speronello per la lista Passione Civica al 9,2%, Luca Giugno, il candidato sindaco sostenuto da Forza Nuova, non supera il 2,56%. 

LISSONE - A Lissone la sfida sarà tra Fabio Meroni e Concetta Monguzzi. Il primo, portacolori unitario del centrodestra, al primo turno ha incassato il 39,87% delle preferenze, che in termini assoluti significano 6.862 voti. La seconda, primo cittadino uscente e candidata del centrosinistra, è arrivata al 37,36%, frutto di 6.431 voti. La distanza tra i due è stata dunque di 2 punti e mezzo percentuali (più precisamente il 2,51%), 431 schede in termini di numeri assoluti. Al primo turno terzo si è piazzato il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, Emanuele Sana, che è arrivato al 10,14% (1.745 voti), seguito dappresso da Roberto Perego, alfiere di una coalizione civica formata dalle liste "Lissone in Movimento" e "Lissone Futuro", che si è fermato al 9,24% (1.591 voti). Molto più staccati gli altri candidati: Mauro Guglielmin con la lista "Lissone La Mia Città" si è attestato sul 2,70% (464 preferenze) e Filippo Piacere per il Partito Comunista dei Lavoratori allo 0,70% (120 preferenze)

MEDA Ballottaggio fra Luca Santabrogio e Gianni Caimi. Quattro i candidati sindaco a Meda. Ha scelto di ripresentarsi il primo cittadino uscente Gianni Caimi (al 35,5%) sostenuto da una lista civica e dal Partito Democratico, per la coalizione di centrodestra invece si è candidato Luca Santambrogio (avanti con il 42% delle preferenze). 

MONZA - Nel capoluogo della Brianza, il vantaggio sul fil di lana del sindaco uscente, il democratico Roberto Scanagatti (39,91%) è minacciato dall'ex presidente della Provincia in quota FI, Dario Allevi (39,84%). Sostenuto da Lega, FI e FdI, Allevi ha incassato l'appararentamento ufficiale con Lombardia popolare e l'appoggio di Parisi, le cui indicazioni di voto, al primo turno, erano andate per il civico Pierfranco Maffe' (5,23%). Sono risultate inferiori all'8%, invece, i consensi del pentastellato Danilo Sindoni (7,64%), secondo classificato alle 'comunarie' (con 17 voti) dopo la rinuncia di Doride Falduto (che aveva comunque ottenuto solo tre voti in piu').