Cremona, 7 novembre 2017 - L’agricoltura cremonese è in festa: si appresta a vivere – domenica 12 novembre nella Cattedrale di Cremona – la 67esima Giornata Provinciale del Ringraziamento. Cuore della festa sarà la Santa Messa, alle ore 11 nella Cattedrale di Cremona, alla presenza degli imprenditori agricoli, dei rappresentanti delle Istituzioni e del tessuto produttivo della provincia di Cremona.

“Per tutti gli agricoltori, per le nostre famiglie, insieme all’intera comunità, questa giornata è da sempre uno dei momenti più attesi e preziosi. E’ la festa in cui rendiamo grazie al Signore per la terra e i suoi frutti - spiega Paolo Voltini, Presidente di Coldiretti Cremona -. Alla celebrazione della Santa Messa seguirà la benedizione dei mezzi agricoli, raccolti ai piedi della Cattedrale. Una parata di trattori fiammanti, ma anche alcune ‘vecchie glorie’, per sottolineare il cammino compiuto dalla nostra agricoltura. Un aspetto che sarà affidato anche alla presenza, presso la Bertazzola della Cattedrale, del ‘Teatro dei Ricordi’ di Castelverde, che nella mattinata racconterà la vita contadina, come si svolgeva nelle campagne cremonesi di qualche decennio fa".

Voltini prosegue: "Per l’intera giornata Coldiretti Cremona assicura una grandissima festa, nelle piazze cuore della città. Se i trattori saranno in piazza del Comune, nella vicina piazza Stradivari, dalle ore 8 alle 19, si terrà un’uscita specialissima del Mercato di Campagna Amica, con la possibilità per i buongustai di trovare in vendita diretta tutte le eccellenze dell’agricoltura lombarda (e con aziende ospiti da altre regioni). Ci saranno degustazioni e laboratori rivolti ai bambini". E ancora: "Il pomeriggio in piazza Stradivari sarà nel segno dei sapori, della musica e dei canti: alle ore 15 è previsto l’ingresso in piazza della Fanfara dei Bersaglieri Maggior Pietro Triboldi di Cremona, per un’esibizione dedicata a tutti i cittadini. Intorno alle 16 si unirà anche il coro “Voci della nostra terra”, che proporrà un concerto dedicato ai cibi del nostro territorio". Il Presidente di Coldiretti conclude: "Tra le curiosità della giornata di festa, il debutto della “polenta pedalata”: gli agricoltori proporranno ai cittadini di contribuire alla preparazione della polenta, in un antico paiolo, mettendoci la propria forza lavoro, pedalando su una bicicletta. Una proposta che saprà coniugare tradizione e divertimento, un omaggio al passato con l’impegno – preso da tutti i giovani agricoltori – di “pedalare” con energia e determinazione per costruire il futuro della vera agricoltura italiana".