Menaggio, 4 novembre 2017 – Uno spaccio di droga diffuso, dove ognuno lavorava in modo indipendente, che arriva a coprire buona parte del territorio dell’alto lago. Questa mattina i carabinieri dell’Aliquota Operativa di Menaggio, a conclusione di un’indagine durata un anno e mezzo, hanno arrestato 11 persone, di cui 7 destinatarie di ordinanza di custodia cautelare in carcere e 4 ai domiciliari. Sono quasi tutti residenti tra Castiglione Intelvi, Pellio, Ramponio e San Fedele, a cui si aggiungono due residenti nel milanese. I militari hanno monitorato centinaia di cessioni di ogni genere di stupefacente, comprese droghe sintetiche, molto consumate da giovani e giovanissimi, smerciata su supporti cartacei simili a francobolli, chiamati nel gergo dei consumatori “cartoni”, da cui il nome dell’indagine “Cardboard. Coordinata dal sostituto procuratore di Como Antonio Nalesso, ha portato, nei mesi scorsi, a denunciare o arrestare una quarantina di persone in totale. Sono state eseguite oltre trenta perquisizioni in varie province della Lombardia, e sequestrati complessivamente tre chili di droga, per un’indagine basata prevalentemente su tecniche di polizia tradizionali, come osservazioni e pedinamenti, che si sono aggiunte alle intercettazioni telefoniche e ambientali. Per gli arresti di questa mattina sono stati impiegati 50 militari, assieme alle unità cinofile del Nucleo Carabinieri di Casatenovo, specializzate nella ricerca di ogni tipologia di stupefacente.