Strage di Samarate, confermato l’ergastolo ad Alessandro Maja: uccise la moglie e la figlia a martellate

La Cassazione ha rigettato il ricorso presentato dai difensori dell’interior designer. Confermate anche tutte le pene accessorie e i risarcimenti per le vittime

Alessandro Maja condannato dalla Cassazione all'ergastolo per la strage di Samarate

Alessandro Maja condannato dalla Cassazione all'ergastolo per la strage di Samarate

Dopo oltre due anni di processi e battaglie legali, la Cassazione si è pronunciata: Alessandro Maja è stato condannato definitivamente all’ergastolo. L’uomo, un un notte di maggio del 2022 uccise a martellate la moglie Stefania Pivetta e la figlia Giulia, di soli 16 anni, riducendo in fin di vita Nicolò, il primogenito, scampato per un soffio al massacro. L'orrore si era consumato nella villa di famiglia a Samarate dove i Maja vivevano dagli anni '90.

Approfondisci:

Strage di Samarate, da Alessandro Maja “nessun vero pentimento”. E il risarcimento al figlio è “risibile”

Strage di Samarate, da Alessandro Maja “nessun vero pentimento”. E il risarcimento al figlio è “risibile”

Oggi è stato discusso in Cassazione il ricorso presentato dai legali del geometra samaratese contro la condanna all'ergastolo comminata all'omicida sia in primo grado, dalla Corte d'Assise del tribunale di Busto, sia in secondo grado dalla Corte d'Assise d'Appello di Milano.

La Suprema Corte ha rigettato il ricorso presentato dai difensori dell'uomo reo confesso, confermando in via definitiva il fine pena mai.

Confermate anche tutte le pene accessorie e i risarcimenti nei confronti delle vittime della tragedia a cominciare da Nicolò che, a causa delle gravissime ferite inflittegli dal padre nel sonno, sta affrontando un lungo percorso fatto di interventi e riabilitazione per riuscire a riprendersi.

Approfondisci:

Strage familiare di Samarate, Alessandro Maja: “Ho commesso un reato imperdonabile ma chiedo perdono”

Strage familiare di Samarate, Alessandro Maja: “Ho commesso un reato imperdonabile ma chiedo perdono”

"Per la famiglia Pivetta e per Nicolò si tratta di un sollievo - spiega l'avvocato Stefano Bettinelli, legale di parte civile - L'iter giudiziario è finalmente terminato. Ed è terminato con la giusta pena per ciò che ha commesso Maja. I miei assistiti hanno sempre e solo chiesto giustizia. Quanto stabilito dalla Cassazione è il massimo che la giustizia possa restituire davanti a un fatto in realtà irrisarcibile dal punto di visto affettivo e umano”.