Intesa Italia-Svizzera per la navigazione sui laghi Maggiore e Ceresio. Cooperazione fino al 2046

Entrerà in vigore il prossimo aprile il nuovo accordo fra la nostra concessionaria e quella del Lago di Lugano

La presentazione dell’accordo avvenuta a Locarno

La presentazione dell’accordo avvenuta a Locarno

Varese – Entrerà in vigore il prossimo aprile e durerà fino al 2046 il nuovo accordo di cooperazione fra la concessionaria italiana Gestione Governativa Navigazione Laghi e la concessionaria svizzera Società Navigazione del Lago di Lugano. Un’intesa di ampio respiro, sia nella durata che nelle competenze, che va ad arricchire i contenuti del precedente accordo con un obiettivo principale su tutti: la sostenibilità. Si rinnova così la cooperazione che vede la concessionaria italiana operare il servizio pubblico di navigazione sul Lago Maggiore, mentre la concessionaria svizzera esercisce sul Lago di Lugano. Gli ambiti di collaborazione, come annunciato durante la presentazione avvenuta a Locarno, vengono estesi per quanto riguarda lo svolgimento del servizio su entrambi i laghi, con l’obiettivo di offrire un migliore servizio di trasporto a cittadini e turisti.

Si rafforzano gli scambi di competenze tecniche sull’elettrificazione della flotta, sulla messa in opera di infrastrutture di ricarica e sulla formazione del personale. L’elaborazione del nuovo accordo quadro di cooperazione si è svolta sotto l’egida della Commissione Mista Italo-Svizzera per la Navigazione. L’ampliamento della flotta con la possibile introduzione di natanti innovativi è un punto cardine della nuova intesa. Agostino Ferrazzini, presidente della Società Navigazione Lago di Lugano, sottolinea la svolta portata dal nuovo accordo. "Da oggi sarà possibile realizzare una nuova navigazione sui nostri laghi, sostenibile, tecnologicamente all’avanguardia e all’altezza delle aspettative di turisti e residenti. Una navigazione che potrà integrarsi nella rete di trasporto transfrontaliera".