Rizzo, è di bronzo la sua Europa. Rimonta e medaglia a Kaunas

Parte sesto dopo lo short program e cade ma conquista lo stesso il terzo podio continentale in carriera

Rizzo, è di bronzo la sua Europa. Rimonta e medaglia a Kaunas

Rizzo, è di bronzo la sua Europa. Rimonta e medaglia a Kaunas

Sulle note di una canzone iconica come "Fix You" dei Coldplay, Matteo Rizzo ha compiuto una piccola grande impresa. A Kaunas, in Lituania, dove sono in corso gli Europei di pattinaggio di figura, il romano, classe 1998, ma ormai milanese d’adozione (vive a Sesto San Giovanni) e tesserato con il centro, fucina di talenti dell’Ice Lab di Bergamo, si è messo al collo la medaglia di bronzo. Il metallo non sarà il più pregiato ma è encomiabile per il modo in cui è arrivato. Dopo lo short program, che si era svolto nella giornata di mercoledì, l’azzurro era sesto. Poi, il vice campione in carica, nel libero, nonostante una caduta, un quadruplo diventato triplo e una condizione fisica non al top, è riuscito nell’impensabile, chiudendo con il punteggio di 250.87 punti. Davanti a lui il francese Adam Siao Him Fa (276.17) e l’estone Aleksandr Selevko (256.99). "Quando fai del tuo meglio, ma non ci riesci. Quando ottieni ciò che vuoi, ma non ciò di cui hai bisogno", dice letteralmente la canzone su cui ha incantato.

Invece, Rizzo di questa medaglia ne aveva proprio bisogno in virtù di una prossima operazione all’anca a cui dovrà sottoporsi. Non a caso, a dicembre, proprio per lo status di forma non al massimo, aveva pure rinunciato ai Campionati Italiani Assoluti. "Cosa dire - ha esordito su Instagram - sono felice non posso dire altro. Da una situazione, dove l’opzione era stai a casa, sino al famoso “noi andiamo è spacchiamo“. È stato un mese bello intenso che presto vi racconterò. Ora posso dire solo grazie a tutti". Il terzo piazzamento sul gradino del podio, nella rassegna del 2024, rappresenta la terza medaglia della carriera di Rizzo nell’ambito della manifestazione continentale dopo quello già conquistato nel 2019 e l’argento del 2023. Un inizio d’anno positivo ma allo stesso tempo in salita, visto l’imminente operazione che lo terrà fuori per diverso tempo, ma che lo ripaga di tanto impegno e di tutta la dedizione che ci ha sempre messo.

L’azzurro ha iniziato a pattinare sul ghiaccio quando aveva circa otto anni per stare insieme alla mamma Brunilde Bianchi, insegnante di questa disciplina. Il pattinaggio era comunque nel dna dato che anche papà Valter insegna e fa parte dello staff che lo segue. Coltiva la passione per i motori e stima il pilota della Ferrari, Charles Leclerc. La medaglia a livello individuale si unisce, in ottica lombarda, al bronzo, nell’artistico, ottenuto dalla seriatese Ghilardi con Filippo Ambrosini e cancella, anche se in parte, la delusione per il mancato podio degli ex detentori del titolo Conti e Macii. Rizzo a parte, per quanto riguarda gli altri lombardi, il brianzolo Memola ha concluso decimo con 225.88 punti.