Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
12 mag 2022

Ivana Spagna, 11 milioni di dischi "Altro che Los Angeles, meglio il lago"

La regina della dance ha scelto Como come suo buen retiro: "Fra il cemento cittadino, soffoco...". Con le sue gatte e le sue anatre ha trovato la dimensione giusta. E prepara l’ennesima sfida in carriera

12 mag 2022
andrea spinelli
Cosa Fare

di Andrea Spinelli La “Easy Lady” della dance ha un sogno lariano. Realizzato. Undici milioni di dischi venduti non hanno dissuaso Ivana Spagna dallo sfuggire alla metropoli per trovare il suo buen retiro sul Lago di Como e trovare così il modo di vivere ad un’altra intensità. Quando ha scelto di vivere a Como? "Vent’anni fa. Rientrata a Milano, dopo aver vissuto per due anni a Los Angeles, mi sono trovata circondata dal cemento. Così ho ripensato alla mia gioventù a Valeggio sul Mincio, in quei grandi spazi di cui sentivo la mancanza. E a quel contatto con la gente necessariamente allentato dalla grande città. Venendo da un paese sull’acqua, fatale o quasi che m’innamorassi di un lago che mi piace pure quando piove". Controindicazioni? "Se il sabato e la domenica, o in estate, devo prendere l’aereo, mi tocca partire due ore prima del solito perché le strade sono intasate. Per il resto è una dimensione bellissima, che vivo assieme ai miei gatti e alle mie anatre". La casa familiare di Valeggio ce l’ha ancora? "Sì, ora ci va a vivere mio fratello Teo. Io non potrei, perché piena di memorie; non riesco ad allentare il ricordo di quando ci vivevamo coi nostri genitori in un clima di felicità che nel corso della vita non ho più ritrovato. E sì che di tentativi ne ho fatti, procedendo pure ad una completa ristrutturazione degli ambienti. Mi scoprivo a piangere troppe volte per rimanere lì". Problema risolto? "Ho un’anima sentimentale e tormentata, ma in questa dimensione comasca riesco a dividere la mia vita tra un lavoro che amo e i miei animali. Che amo altrettanto". Vive in un posto speciale. "Ho scoperto di abitare nella villa dell’editore Giulio Ricordi. O meglio, in una parte di Villa Da Riva, costruita a Blevio sul finire del 1790 e ristrutturata nel 1870. Un posto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?