Chiavenna (Sondrio), 9 ottobre 2018 - Grazie al ghiaccio istantaneo, un prodotto monouso molto versatile l’azienda Dispotech di Gordona ha conquistato i mercati internazionali. Con un fatturato di 14 milioni di euro, al momento in crescita dell’8%, e con 70 dipendenti la Dispotech è presente, con i propri prodotti, in una sessantina di paesi differenti: dall’Italia alla Francia fino ad arrivare all’America Latina il ghiaccio istantaneo prodotto a Gordona viene utilizzato in tutto il mondo. È un prodotto che trova numerose applicazioni nel settore medicale, sportivo e dentistico.

Oggi Dispotech è un’azienda famigliare condotta oltre che dal fondatore, Massimo Mortarotti, dal figlio Emanuele e la figlia Monica.. «Negli ultimi anni la concorrenza si è fatta più serrata – commenta Emanuele Mortarotti, responsabile del settore marketing – ma il mercato è certamente in crescita e ci sono ancora molti Paesi dove non siamo presenti. Per esempio gli Stati Uniti, all’interno dei quali è difficile penetrare a causa delle leggi sulle forniture mediche». L’azienda nasce da un’intuizione di papà Massimo nel 1994. Dopo dieci anni di lavoro come dipendente in campo chimico-medicale a Milano, Mortarotti ha deciso di creare una nuova impresa dedicata alla progettazione e produzione di prodotti monouso a Gordona, in Valchiavenna.Ha subito brevettato la formula per la realizzazione del ghiaccio secco, con il quale l’azienda si è imposta sui mercati internazionali.

L’impresa, però, deve continuamente guardarsi attorno con un occhio alle nuove leggi e l’altro alla concorrenza, che certo non resta ferma ad aspettare. «Attualmente siamo in grado di realizzare un prodotto che ha la temperatura di -4° mentre la concorrenza arriva a +2° – spiega Emanuele – L’importante è investire molto nella ricerca e sviluppo: in qualsiasi momento potrebbero essere approvate delle leggi – come già è successo in passato – che vietano alcune reazioni e, quindi, è necessario essere un passo avanti per evitare di venire presi in contropiede». La Dispotech non si limita, però, alla produzione di ghiaccio istantaneo: uno dei settori di punta è, infatti, la realizzazione di prodotti carta-plastica che comprendono, al loro interno, una vasta gamma di utensili monouso, dal classico bicchiere di “carta” utilizzato dai dentisti, alle coperture usa-e-getta dei letti negli ambulatori medici. «Al momento – sottolinea il responsabile del settore marketing – stiamo portando avanti degli studi per realizzare questi prodotti in materiale ecocompatibile anche se, ovviamente, il processo non è semplice. Per ora stiamo cercando di abolire i cataloghi cartacei: l’obiettivo è quello di presentare il nostro prodotto unicamente tramite il supporto della realtà virtuale. A breve speriamo di poterci presentare alle fiere internazionali senza nemmeno una confezione di ghiaccio secco, che verrà mostrata al pubblico solamente tramite una proiezione in 3D».