Quotidiano Nazionale logo
4 gen 2021

Sondrio, medico positivo al Covid dopo il vaccino

Il professionista è stato ricoverato al Morelli, ma non è grave. Non ci sarebbe correlazione tra siero e contagio: "Virus già in circolo"

fulvio d’eri e michele pusterla
Cronaca
SONDALO, OSPEDALE MORELLI, REPARTO COVID - Foto (ANP)
Il reparto Covid dell'ospedale Morelli

Sondrio, 5 gennaio 2021 - Ricoverato per Covid al Morelli un medico di base, che opera nel Sondriese, che nei giorni scorsi si era sottoposto al vaccino. La notizia offusca il dato segnalato ieri dalla Regione: zero positività nelle ultime 24 ore. "La positività al virus è stata effettivamente riscontrata - conferma la dottoressa Lorella Cecconami, dg di Ats della Montagna - ma manca la tempistica con la somministrazione del vaccino che ha fatto all’ospedale di Sondrio. Probabilmente il dottore era già positivo, quando si è sottoposto al vaccino e non sapeva di esserlo". È ora nell’ospedale di Sondalo, ma non in Terapia intensiva. E sul caso sarebbe fuori luogo ogni allarmismo.

Nel frattempo è entrata nel vivo la campagna vaccinale. Il nuovo anno si è aperto con una lieve diminuzione dei malati Covid-19 ricoverati al Morelli: ora sono 95, di cui 88 ospitati nei 4 reparti del primo padiglione e 7 in gravi condizioni in Terapia intensiva. La situazione rimane difficile, seppure con numeri più contenuti rispetto alle scorse settimane. Nei primi giorni del nuovo anno si sono registrati 4 morti, una donna e tre uomini, di cui uno nato negli anni 30 e tre negli anni 40. Il totale del numero dei morti della seconda ondata della pandemia, nelle strutture ospedaliere della Valtellina, è salito a 177, ormai ai livelli della prima fase.

"Questi numeri e i nuovi provvedimenti che verranno adottati a livello nazionale certificano la gravità della situazione - sottolinea il dg Tommaso Saporito - e devono convincere tutti dell’importanza di adottare le misure di sicurezza. Indossare correttamente la mascherina, mantenere il distanziamento sociale e igienizzarsi frequentemente le mani consente di proteggere noi stessi e gli altri. Confido nel senso di responsabilità di ciascuno affinché si evitino comportamenti rischiosi, serve l’impegno di tutti per contenere il contagio".

Lunedì alle 14 è iniziata la campagna vaccinale che coinvolge il personale di Asst Valtellina e Alto Lario. Per il resto della settimana si proseguirà con le vaccinazioni a Sondrio mentre giovedì, venerdì e sabato sarà coinvolto anche Sondalo. Da lunedì si continuerà con l’operazione a Sondrio e Sondalo con l’obiettivo di vaccinare tutto il personale nel più breve tempo possibile. Sempre lunedì e per i giorni seguenti si procederà con Chiavenna. Dopo le 3.500 dosi giunte il 30 dicembre, ne sono attese oltre duemila per domani. Nella farmacia dell’ospedale di Sondrio vengono conservate anche le dosi destinate all’ospedale di Gravedona, saranno consegnate non appena partirà la campagna per i loro dipendenti.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?