MANUELA MARZIANI
Cronaca

La piscina di via Folperti Il gestore uscente lascia E il nuovo bando va deserto

Gli utenti rischiano di trovarsi a settembre senza l’unico impianto pubblico. Servono pure due milioni per arginare le perdite idriche sotto gli spogliatoi.

La piscina di via Folperti  Il gestore uscente lascia  E il nuovo bando va deserto

La piscina di via Folperti Il gestore uscente lascia E il nuovo bando va deserto

di Manuela Marziani

"Desideriamo informare gli utenti della piscina di via Folperti che la nostra società non ha concorso all’attuale bando per la gestione dell’impianto il prossimo anno". Piscina Melegnano, il gestore uscente, ha scelto di pubblicare un post su Facebook per far sapere che, se non cambieranno le norme, passeranno la mano. Ma a chi? Il bando infatti è andato deserto e questo crea non poche preoccupazioni tra gli utenti, che a settembre rischiano di trovarsi senza l’unico impianto pubblico. "La gestione transitoria del bando – sottolineano Michele Rossi e il suo staff – a nostro avviso non consente di raggiungere il pareggio tra costi e ricavi. Inoltre la bozza di convenzione che regola la gestione non tiene adeguatamente conto delle condizioni concrete dell’impianto, esponendo il gestore a ulteriori rischi economici".

La piscina avrebbe bisogno di lavori per oltre 2 milioni per arginare le perdite d’acqua soprattutto sotto gli spogliatoi. "Abbiamo sempre prestato particolare attenzione alla pulizia – proseguono da Piscina Melegnano – Compromettere il livello dei servizi ci ha portati a fare questa scelta". Una decisione che non piace ai frequentatori abituali. "Avete fatto un ottimo lavoro – commenta l’ex assessore Davide Lazzari – Vi ho conosciuto e sempre reputato persone serie, che hanno dato il loro contributo non scontato allo sport della città. Dopo tanto lavoro la Folperti poteva diventare quel fiore all’occhiello che ci eravamo immaginati".

L’impianto è rimasto aperto fino al 30 giugno ma c’era il rischio che chiudesse il 31 maggio. Il Comune, proprietario dell’impianto, era intenzionato a trovare una nuova società che se ne occupasse al posto di Piscina Melegnano che, anche a causa del Covid, non aveva realizzato il project financing in base a cui era prevista la realizzazione di un’altra vasca da 25 metri.

Tra il bando per trovare un nuovo gestore e i lavori da fare, si temeva che l’impianto rischiasse di non aprire. La questione era stata affrontata anche in Consiglio comunale e l’assessore allo Sport Pietro Trivi aveva assicurato che l’impianto a settembre avrebbe riaperto regolarmente. Un augurio che ora anche Michele Rossi rivolge a tutti gli utenti, perché si individui il nuovo gestore e si continui a fornire il servizio migliore.