Discarica abusiva a Gambolò, chi ha scaricato nel bosco lastre di eternit e plastica? I sospetti dei Forestali

L'area è di proprietà di una azienda che opera nel settore dell'alluminio; sono in corso le indagini dei carabinieri forestali, autori del ritrovamento

Le operazioni di recupero del materiale di scarto

Le operazioni di recupero del materiale di scarto

Gambolò, 25 gennaio 2024 – Materiali accoppiati in alluminio, rifiuti plastici e frammenti di lastre di eternit sono stati ritrovati dai carabinieri forestali di Mortara in un’area di 4.500 metri quadrati, di proprietà di una società che si occupa di produzione di alluminio, che si trova a Gambolò.

Ad agevolare l’azione dei forestali è stata l’ondata di maltempo che a fine agosto si era abbattuta sulla Lomellina e che ha provocato la caduta di numerosi alberi di grandi dimensione, smuovendo il terreno della zona boschiva dal quale sono affiorati i rifiuti. Il materiale non è stato ancora esattamente quantificato.

Sono in corso le indagini per accertare sia le responsabilità dell’accaduto, che configurano la violazione del Testo Unico Ambientale, che l’esatta provenienza dei materiali.