Imprese con una marcia in più. Efficienza e innovazione: la meccatronica vale 5 miliardi

Tremila ditte, 39mila addetti e vendite sui mercati internazionali in costante crescita. La fotografia in Brianza dell’Osservatorio di Assolombarda con le organizzazioni sindacali.

Imprese con una marcia in più. Efficienza e innovazione: la meccatronica vale 5 miliardi

Imprese con una marcia in più. Efficienza e innovazione: la meccatronica vale 5 miliardi

Innovazione ed efficienza: sono questi i principali obiettivi cui tendono la maggior parte delle imprese metalmeccaniche brianzole nella performance economica e nella contrattazione aziendale. È la fotografia scattata dall’Osservatorio paritetico composto da Assolombarda e dalle sigle sindacali, che ha analizzato, tra il 2018 e il 2023, la qualità della contrattazione integrativa nelle aziende metalmeccaniche (ora meccatroniche) della provincia. Un settore che conta quasi 3mila attività e 39mila addetti e che incide a livello lombardo rispettivamente per l’8,8% e l’8,7%. L’anno scorso, secondo l’analisi del Centro studi di Assolombarda, le vendite sui mercati internazionali hanno registrato consistenti aumenti sia nel primo (+20,0% rispetto allo stesso periodo 2022) sia nel secondo trimestre (+13,1%), per poi rallentare al +1,8% tra luglio e settembre, a testimonianza di una decelerazione del quadro economico provinciale che arriva ben dopo quella lombarda, in flessione già nella scorsa primavera.

Nei primi nove mesi dello scorso anno, le esportazioni delle imprese meccatroniche sono cresciute complessivamente del +11,5% rispetto allo stesso periodo del 2022, raggiungendo un valore di 5 miliardi di euro. In Brianza la tenuta del settore si riflette anche sullo sviluppo e sulla crescita delle contrattazioni che hanno riguardato le imprese fino a 50 dipendenti. Infatti, rimangono prevalenti, per i premi di risultato, gli obiettivi legati agli incrementi di produttività e redditività. Alla base di questa vivacità e resilienza delle aziende c’è la forte spinta all’innovazione e all’efficienza, due delle più importanti e strategiche leve di crescita che le imprese meccatroniche brianzole hanno nel loro Dna e che permettono di essere competitivi sui mercati internazionali. Una caratteristica distintiva che ha nelle competenze e nelle professionalità specializzate uno dei suoi principali fondamenti: negli ultimi dodici mesi le imprese meccatroniche hanno ricercato soprattutto operai specializzati (il 31%), conduttori di impianti (il 20%) e tecnici intermedi (il 19%). La figura professionale più richiesta dalle aziende è quella degli assemblatori generici (553 unità), seguita dagli installatori-riparatori (409 unità) e dai modellatori-tracciatori (275 unità). "I dati raccolti – confermano Assolombarda e sigle sindacali – evidenziano la sostanziale tenuta del settore pur nella oggettiva difficoltà degli scenari di riferimento. L’analisi dimostra che le pratiche di negoziazione incidono in modo significativo sul settore, generando una sintesi equilibrata tra le esigenze di produttività e di efficienza delle imprese e dei bisogni dei lavoratori".