Il nuovo sportello lavoro. Ora il Comune insegna a diventare imprenditore

Accanto alle attività tradizionali si aggiunge una sezione dedicata alle start up. Obiettivo: aiutare soprattutto i giovani a sviluppare i loro progetti professionali.

Il nuovo sportello lavoro. Ora il Comune insegna a diventare imprenditore

Il nuovo sportello lavoro. Ora il Comune insegna a diventare imprenditore

Nasce “Fare impresa“, un incubatore rivolto alle start up e a chi vuole intraprendere un’esperienza professionale autonoma e di auto impiego, rivolta in particolare ai giovani. Lo Sportello lavoro comunale supera il modello tradizionale, che si limitava sostanzialmente a coadiuvare i cittadini nelle attività basilari, come la redazione del curriculum, e intende proporsi come partner di supporto e orientamento rivolto a lavoratori e imprese. La prima parte del progetto ha l’obiettivo di creare gruppi di interessati diretti o indiretti, imprese appena nate, persone intenzionate ad avviare un’attività, docenti, operatori sociali del territorio. A questo riguardo sono stati avviati anche contatti con l’Istituto Martin Luther King, offrendo la possibilità di valorizzare idee e proposte. I partecipanti seguiranno corsi teorici e pratici sulla programmazione economico-finanziaria d’impresa e la gestione delle risorse umane. Si passerà quindi a una fase più attuativa in cui saranno affrontate le azioni di benchmarking, ossia di confronto e di check up aziendale, e un’autovalutazione dell’azienda.

Tutte le fasi verranno svolte da specialisti dell’Istituto Luigi Gatti, a cui è affidato il servizio dello Sportello lavoro, che affiancheranno, a conclusione del processo formativo, con ruolo di tutoraggio iniziale, le persone e le imprese che creeranno nuove attività, oltre a fornire supporto e consulenza informativa su tutti gli aspetti legati all’avvio di un’attività imprenditoriale. "Completiamo così il mandato amministrativo con l’introduzione di un ulteriore servizio utile a favorire politiche giovanili del lavoro che integrano e ampliano i servizi avviati in questi anni – sottolinea il vicesindaco e assessore allo Sviluppo economico e alle politiche del lavoro, Michele Testa –. I dati della camera di commercio confermano un notevole incremento di iniziative imprenditoriali, anche sul nostro territorio si contano una decina di aperture nei primi due mesi dell’anno, di nuove partite iva con una età media più bassa rispetto agli anni precedenti. Per questi motivi l’amministrazione comunale ha studiato un progetto concreto ed efficace di affiancamento e tutoraggio rivolto sia ai giovani che vorranno mettersi in proprio, sia a coloro che hanno aperto la partita iva in questi mesi. Un progetto concreto che proietta la nostra città nel novero di quelle più evolute e a maggiore gamma di servizi offerti".